Il sogno si è avverato: stabilizzati i precari dell'Unione dei Comuni

Soddisfazione è stata espressa dai sindaci dell'Unione dei Comuni Platani-Quisquina e Magazzolo “per aver dato una certezza lavorativa, dopo tanti anni di precariato, a delle figure professionali che hanno portato avanti, con impegno e dedizione, i servizi di interesse sovra comunale

Il sogno s’è realizzato. I contrattisti dell’Unione dei Comuni Platani-Quisquina e Magazzolo hanno firmato, ieri, un contratto a tempo indeterminato. Davanti al segretario generale, Salvatore Vasile, davanti a Maniscalco: organismo indipendente di valutazione, al presidente del dell'Unione Milko Cinà, dei sindaci Franco Martorana e Francesco Cacciatore, e del presidente del Consiglio dell'Unione, Calogero Gattuso, hanno firmato Franca Beatrice Mantalbano, Giuseppe Forte, Vincenza Mortellaro, Mariuccia Cannova e Maria Rita Sardella.

Soddisfazione è stata espressa dai sindaci dell'Unione dei Comuni Platani-Quisquina e Magazzolo “per aver dato una certezza lavorativa, dopo tanti anni di precariato, a delle figure professionali che hanno portato avanti, con impegno e dedizione, i servizi di interesse sovra comunale. Servizi – hanno spiegato gli stessi sindaci - che oggi sono in un'attenta fase di rilancio per dare risposte concrete al territorio della montagna agrigentina".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

  • Il nuovo Dpcm 3 dicembre, cosa si può fare e non fare: tutte le regole di Natale 2020 (e i metodi per "aggirarle")

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento