rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca

Stabili abusivi e demolizioni, Patronaggio scrive ai sindaci: "Serve una urgente ricognizione"

Il procuratore capo ha dato agli amministratori e ai responsabili degli Utc dei Municipi del circondario di Agrigento 30 giorni di tempo per riferire in Procura

"Occorre procedere ad una urgente ricognizione degli immobili abusivi ricadenti entro la fascia di 150 metri dai corsi d'acqua o costruiti in spregio dei vincoli idrogeologici, per avviare con la massima celerità le demolizioni". Lo ha scritto il procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio in una lettera indirizzata ai sindaci e ai dirigenti dell'Utc dei Comuni ricadenti nel circondario del tribunale di Agrigento.

Pronta una nuova tornata di trenta demolizioni 

Il sindaco Firetto: "Ddl lacunoso e contraddittorio"

"I recenti tragici fatti di Casteldaccia e Cammarata, pur innescati da particolari avverse condizioni meteo, impongono una particolare attenzione per la demolizione degli immobili abusivi" - ha richiamato tutti il procuratore Patronaggio - . Sindaci e responsabili degli uffici tecnici comunali dovranno dare, alla Procura, "immediato riscontro e riferire entro 30 giorni sullo stato delle procedure di demolizione con particolare riguardo - ha specificato il procuratore capo di Agrigento - agli immobili abusivi realizzati in spregio dei vicoli idrogeologici".

Hanno demolito da soli, niente ruspe per il secondo elenco  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stabili abusivi e demolizioni, Patronaggio scrive ai sindaci: "Serve una urgente ricognizione"

AgrigentoNotizie è in caricamento