rotate-mobile
Cronaca

Spese pazze al Consorzio universitario, l'ente si costituirà parte civile nel processo preliminare

A seguito della richiesta di rinvio a giudizio di tre ex dirigenti, tra cui il presidente Joseph Mifsud, il Consorzio Empedocle si ritiene danneggiato "moralmente e materialmente"

La prima udienza del processo preliminare davanti al gup Francesco Provenzano è in programma il 10 febbraio prossimo al tribunale di Agrigento. In tale occasione il Consorzio universitario “Empedocle” si costituirà parte civile: si ritiene “danneggiato moralmente e materialmente” a seguito della richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di 3 ex dirigenti coinvolti nella cosiddetta inchiesta delle “spese pazze”.

A comunicare la decisione, attraverso una nota, è stato il Consiglio di amministrazione dell’ente. 

La richiesta di rinvio a giudizio è stata firmata dal procuratore Luigi Patronaggio, dall'aggiunto Salvatore Vella e dal pm Chiara Bisso.

Le persone coinvolte sono l’ex presidente Joseph Mifsud, misteriosa figura al centro dell’intrigo mondiale “Russiagate” di cui si sono perse le tracce da anni e che - secondo molti - potrebbe essere morto. Il beneficiario delle somme prelevate sarebbe stato proprio lui.

Ad altri due soggetti, (Olga Matraxia, ex dirigente del settore Affari generali dell’ente e Andrea Occhipinti, dirigente del settore finanziario) si contesta il fatto di avere avallato i pagamenti.

I vertici del Consorzio universitario, in particolare, avrebbero consentito l'uso indebito delle carte di credito dell’ente destinandole a spese esclusivamente personali di Mifsud come trasferte con mezzi aerei, acquisti per biglietti di treno o soggiorni in hotel, anche per i suoi accompagnatori, giustificando le spese con inesistenti ragioni di rappresentanza istituzionale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spese pazze al Consorzio universitario, l'ente si costituirà parte civile nel processo preliminare

AgrigentoNotizie è in caricamento