rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca Villaseta

Spedizione punitiva per vendicare presunta violenza sessuale, quattro condanne

Due uomini e due donne si sono scagliati contro quelli che ritenevano responsabili degli abusi che, peraltro, l'indagine della Procura ha escluso siano stati commessi

Spedizione punitiva con calci, pugni e schiaffi per vendicare una violenza sessuale, in danno di una loro parente, che in realtà - almeno secondo quanto ha accertato l'indagine che è stata archiviata - non ci sarebbe mai stata. La vicenda è approdata in aula, davanti al giudice di pace, che ha condannato i quattro imputati per le accuse di lesioni e minaccia. Si tratta di Giuseppe Pirro, 28 anni; Adriana Rizzo, 50 anni; Calogero Rizzo, 48 anni e Maria Venturelli, 81 anni. La pena inflitta dal giudice è di 600 euro di ammenda.

Due le aggressioni al centro del processo che risalgono al 27 novembre e al 19 dicembre del 2013. Teatro della vicenda, in entrambi i casi è la frazione di Villaseta, dove risiedono tutti i protagonisti del caso. Pirri e Calogero Rizzo, falsamente convinti che due loro conoscenti avessero violentato una loro congiunta, avrebbero organizzato una vera e propria spedizone punitiva aggredendo uno di loro con calci, pugni e schiaffi, dopo averlo sorpreso per strada. 

Le due donne imputate, invece, avrebbero minacciato di morte il secondo “sospettato”, sempre per le stesse ragioni: secondo loro, l’uomo aveva abusato sessualmente della ragazza. Il giudice, che ha condannato i quattro imputati ritenuti colpevoli di minaccia e lesioni, ha pure disposto il risarcimento dei danni nei confronti dei due uomini che si sono costituiti parte civile con l’assistenza dell’avvocato Monica Malogioglio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spedizione punitiva per vendicare presunta violenza sessuale, quattro condanne

AgrigentoNotizie è in caricamento