rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024

Campobello dedica uno spazio alle vittime della strage di Ravanusa, la testimonianza di una superstite: “Ci dicevano che eravamo in pericolo ma noi non capivamo”

Le parole di Rosa Carmina, che nella tragedia di via Trilussa ha perso tutta la famiglia, pongono diversi interrogativi ai quali solo la Procura potrà dare delle risposte

La comunità di Campobello di Licata ha ricordato Selene, il piccolo Samuele e papà Giuseppe Carmina, la famiglia uccisa dall'esplosione di gas di via Trilussa dell'11 dicembre scorso a Ravanusa. A pochi passi della casa di famiglia, nel quartiere dove è cresciuta la giovane Selene Pagliarello è stata collocata una targa in loro memoria. Silenzio e commozione per una tragedia assurda e per la quale, son in tanti ad attendere delle risposte sulle eventuali responsabilità. Alla cerimonia, oltre ai genitori di Selene Pagliarello erano presenti anche le uniche due sopravvissute della strage, le signore Giuseppa Montana e la cognata Rosa Carmina, quest'ultima nel ricordare la tragica sera dell'esplosione, dai microfoni di AgrigentoNotizie, parla anche della consapevolezza, negli abitanti del quartiere Mastro Dominici, del rischio al quale erano soggetti. “Nella mia famiglia sono morte otto persone – ci dice in lacrime la signora Rosa – quella notte, la nostra vita si è improvvisamente capovolta. Nella strada, c'era un'impresa di San Cataldo che in passato, si era occupata di alcuni lavori e ci dicevano che eravamo in pericolo ma noi – ha aggiunto la sopravvissuta - non ne capivamo il motivo”.

Nelle ore successive alla strage, mentre c'erano ancora le squadre degli esperti dei vigili del fuoco impegnate nella ricerca degli eventuali superstiti, gli abitanti del quartiere avevano già parlato di frequenti preoccupazioni dovute alla puzza di gas, pericoli che però non sarebbero supportate da segnalazioni ufficiali alle ditte che si occupano della manutenzione delle condotte del gas a Ravanusa.

Su questo e su tanti altri aspetti, sarà compito della procura della Repubblica di Agrigento quello di cercare di fare chiarezza e di fornire delle risposte ai familiari delle dieci vittime.

La strage di Ravanusa, “Una saldatura ha ceduto e ha provocato la fuoriuscita del gas”

Video popolari

Campobello dedica uno spazio alle vittime della strage di Ravanusa, la testimonianza di una superstite: “Ci dicevano che eravamo in pericolo ma noi non capivamo”

AgrigentoNotizie è in caricamento