Domenica, 14 Luglio 2024

Sorelle sudanesi raccontano cos'è l'immigrazione: "Abbiamo provato ad attraversare il mare 3 volte, ci hanno bucato il gommone .. voglio fare il medico per aiutare"

La 14enne e la 17enne frequentano il liceo Scientifico Leonardo. Le loro parole, rivolte anche agli agenti, hanno scosso gli animi: "Quando andrete nei centri di raccolta, sappiate, che, come è successo per me e mia sorella, voi siete un punto di riferimento, una certezza"

Lacrime, voci tremanti, applausi e abbracci. La testimonianza di due sorelle sudanesi, di 14 e 17 anni, studentesse del liceo Scientifico "Leonardo" di Agrigento, ha scosso - scompaginando il tradizionale cliché della cerimonia della festa della polizia - gli animi di tutti i presenti. Sono state parole che dovrebbero far riflettere, perché è anche - soprattutto - quello che hanno raccontato le due sorelle il fenomeno dell'immigrazione clandestina. "E' iniziato tutto nel 2015 quando io e i miei 4 fratelli assieme a mia mamma siamo partiti e abbiamo attraversato, impiegando diverse settimane, il deserto. Siamo arrivati in Libia dove siamo stati per diversi mesi. Abbiamo provato - ha raccontato, in piazza Vittorio Emanuele dove s'è tenuta la cerimonia agrigentina per il 171esimo anniversario della fondazione della polizia - ad attraversare il mare 3 volte. Siamo stati mandati indietro perché c'era brutto tempo o perché c'era la polizia e non potevamo passare. La terza volta - ha raccontato la diciassettenne, che frequenta il terzo anno del liceo Scientifico - la polizia dei confini ci ha bucato il gommone per non farci salpare. La quarta volta siamo riusciti ad arrivare, ci ha soccorso la nave di una Ong e ci hanno portato al porto di Trapani". La ragazza ricorda di un certo Giuseppe, con il quale la famiglia di sudanesi ha ancora contatti, che li ha molto aiutati.

"Hanno salvato donne, bambini e aspiranti suicidi, ma anche arrestato ladri, spacciatori e sgominato gang transnazionali": ecco chi sono i poliziotti premiati

Festa della polizia, l'impegno del questore Ricifari con i cittadini: “Ci siamo sempre”

"Guerra" a estorsioni ed usura, contrasto alle illegalità della movida e impegno sul "fronte" Lampedusa: il questore richiama e fissa le priorità

"Abbiamo incontrato poliziotti gentili che ci hanno sempre sorriso e non ci hanno fatto mai sentire soli - ha detto, guardando in faccia agenti e funzionari tutti schierati all'ingresso della Questura - . A Trapani ci hanno fatto iniziare la scuola, è stata una comunità molto accogliente e non volevano spostarci. Siamo arrivati poi, da Trapani, a Sant'Angelo Muxaro dove abitiamo con mamma e dove ci sono molte brave persone che ci hanno accolto con affetto e ci hanno fatto sentire  casa. Vedervi oggi qua - ha aggiunto la diciassettenne, rivolgendosi ai poliziotti, e l'emozione s'è fatta fortissima, - è come vedere una seconda famiglia. Ci avete dimostrato che voi, per noi, ma anche per altri, ci siete sempre stati". Inevitabili, a questo punto, le lacrime, ma anche gli applausi. 

"Vorrei diventare medico per aiutare gli altri come voi avete fatto con noi - ha concluso, e le lacrime si sono trasformate in singhiozzi, - e dimostrare che ognuno con il suo mestiere può aiutare a fare un mondo migliore". Ad abbracciarla, tirandola via dall'imbarazzo della commozione, è stato il questore Emanuele Ricifari che, nonostante due settimane di servizio ad Agrigento, si è dimostrato attentissimo, con mente e cuore, alla crisi perdurante dell'immigrazione. 

"Mi ricordo quel terribile viaggio, la paura, il terrore. Ricordo il momento in cui i libici hanno provato a bucare il gommone - ha raccontato, prendendo subito dopo la parola, la quattordicenne - .  Siamo stati accolti a Trapani e non mi riferisco a chi ci portava cibo e vestiti, ma a chi ci faceva carezzCe e gentilezze. Frequento il primo anno del liceo Scientifico Leonardo e sono contenta di stare qua. Quando andrete a casa, raccontate ai vostri figli la nostra storia - ha aggiunto, anche lei fortemente emozionata, l'adolescente - . E quando andrete nei centri di raccolta, sappiate, - ha concluso, rivolgendosi ai poliziotti - che, come è successo per me e mia sorella, voi siete un punto di riferimento, una certezza". 

Calano gli omicidi, le violenze sessuali e le intimidazioni, aumentano invece furti, rapine e le estorsioni denunciate

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento