rotate-mobile

La città si affida alla Madonna: primo pontificale dell’Immacolata per il nuovo vescovo

Le misure anticovid hanno limitato i festeggiamenti, annullato il tradizionale omaggio floreale esterno dei vigili del fuoco al simulacro. Il messaggio di speranza di monsignor Damiano: "Rallegrati, il Signore viene"

“Rallegrati, il Signore viene”: queste sono le parole del Vangelo e che l’arcivescovo coadiutore di Agrigento, Alessandro Damiano, nel giorno della festa dell’Immacolata, riprende per lanciare un messaggio di speranza alla comunità dell’arcidiocesi. 

Per il successore del cardinale Montenegro è stata la celebrazione del primo solenne pontificale, funzione religiosa molto sentita in città e che quest’anno ha dovuto fare i conti con le limitazioni prescritte dalle misure anticovid. Prima fra tutti, l’annullamento del tradizionale omaggio floreale dei vigili del fuoco ai piedi del simulacro della Madonna esterno alla basilica.

La città saluta Maria Immacolata

I pompieri, così come anche l’amministrazione comunale, hanno comunque rispettato la tradizione, deponendo i fiori ai piedi dell’altare.

A partecipare al solenne pontificale, cittadini e autorità, nonostante le regole del distanziamento sociale abbiano drasticamente ridotto la presenza in Chiesa dei fedeli.

Video popolari

La città si affida alla Madonna: primo pontificale dell’Immacolata per il nuovo vescovo

AgrigentoNotizie è in caricamento