menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porto Empedocle, Snam pronta a realizzare il rigassificatore

Questo a patto che il terminale di gas naturale liquido venga dichiarato "infrastruttura strategica" dal Governo, facendo così ottenere alla società garanzie di ammortizzare il rischio di mercato che si tradurrebbe, inevitabilmente, in un rincaro in bolletta per l'utenza

C'è un possibile "acquirente" per le concessioni relative alla realizzazione del rigassificatore a Porto Empedocle.

Si tratta di Snam, leader europeo nel trasporto di metano il cui amministratore delegato, Carlo Malacarne, ha affermato la possibilità di valutare il progetto.

«Siamo pronti a investire se nuove regole vengono fissate dai regolatori a copertura del rischio della commodity nel Gnl», ha detto Malacarne durante l'annuale edizione del "World Gas Congress".

Questo a patto che il terminale di gas naturale liquido venga dichiarato "infrastruttura strategica" dal Governo, facendo così ottenere alla società garanzie di ammortizzare il rischio di mercato che si tradurrebbe, inevitabilmente, in un rincaro in bolletta per l'utenza. Un'eventualità doppiamente "temuta", quindi, da chi non ha mai voluto vedere realizzato l'impianto e dalle famiglie che fanno i conti con il bugdet in cui far rientrare anche i costi per i servizi.

Che Enel potesse mettere in vendita il rigassificatore di Porto Empedocle lo aveva dichiarato l'ad di Enel, Franceso Starace, nella presentazione del piano industriale di marzo a Londra. L'impianto, come aveva sottolineato il manager «ha tutti i permessi in regola ma non é finanziabile perché non c'é la tariffa di rigassificazione».

Già nel 2009 gli agrigentini, più del 93percento dei votanti nel referendum popolare indetto a tal proposito, espressero il proprio parere contrario alla realizzazione dell'l’impianto che l’Enel ha progettato di costruire a due passi dalla Casa di Pirandello e dalla Valle dei Templi.

Due anni dopo anche il Consiglio comunale agrigentino diede parere negativo.

Bisognerà adesso vedere se il Governo centrale rispetterà la volontà popolare o meno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento