menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ecoface smentisce le ditte Iseda, Seap e Sea: "Diffuse notizie false"

Al centro del dibattito, ancora una volta il caos relativo al conferimento dei rifiuti

Batti e ribatti tra il legale dell'impianto Ecoface e le ditte dei rifiuti, Iseda e Sea. Al centro del dibattito ancora una  volta il conferimento dei rifiuti. Secondo quanto fatto sapere in una nota, le ditte Iseda, Sea ed Ecoin, non sarebbero riuscite a scaricare i loro mezzi all'interno dell'impianto Ecoface di Ravanusa. 

Strade chiuse e cancelli di impianto sbarrati: disagi per la differenziata

"Impossibile conferire perché la Ecoface non ha consentito agli operai di scaricare i mezzi. Quello che chiediamo al Comune di Agrigento – spiegano ancora le imprese – è che si adoperi al più presto affinché ci venga garantita, quotidianamente, la possibilità di scaricare i mezzi entro e non oltre la fine della giornata lavorativa". 

Secca la smentita dell'avvocato, Giuseppe La Rocca, rappresentante legale della ditta.  “In data 29 ottobre la piattaforma Ecoface Industry srl con sede operativa in zona Asi di Ravanusa, ha lavorato normalmente.  Lo stesso giorno, nell’impianto sono entrati regolarmente dodici compattatori che hanno scaricato: 6,220 tonnellate di carte, 4,230 tonnellate di vetro, 29,180 tonnellate di plastica e metalli. In particolarità la società Sea ha scaricato 11, 680 tonnellate di materiale, la società Iseda ha scaricato 16, 870 tonnellate di materiale, di questi 11, 660, per conto del Comune di Agrigento. Il tempo medio occorrente per lo scarico dei compattatori è stato di 10 minuti. Per quanto sopra, tutto quello affermato nell’articolo risulta falso, tendenzioso e diffamatorio perché non corrisponde alla verità dei fatti e mira semplicemente a mettere sotto cattiva luca la Ecoface nei confronti dell’Amministrazione comunale di Agrigento. L’intervento del sindaco Firetto chiesto dalle impresa è da noi auspicato al fine di stabilire definitivamente e con chiarezza eventualità responsabilità su disservizi eventualmente lamentati dai cittadina. La leggerezza con cui il raggruppamento di imprese: Iseda, Seap e Sea, diffondono notizie false ed allarmistiche sul nostro lavoro, induce la scrivente a ritenere che dietro a dette palesi falsità, vi sia forse, si ribadisce forse, l’intento di indirizzare il Comune verso altre piattaforme, stranamente in procedenza è già successo che altri comuni immotivatamente ed in vigenza di convenzione hanno scelto altre piattaforme non autorizzate a ricevere materiali misti integrando il reato di cui all’articolo 256 del DLGS 152/2006, smaltimento illecito di rifiuti. Lo scrivente al fine di tutelare la propria immagine non lascerà passare impunemente alcune infamante accusa che sarà addebitata difendendosi nelle opportune sedI".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento