rotate-mobile
Prefettura

Smaltire le istanze giacenti per il riconoscimento delle minorazioni civili: tracciata la strada

In servizio verranno immessi 9 impiegati in più, aumenteranno il numero di sedute delle 15 commissioni, nonché il numero di pratiche esaminate per seduta, e verrà introdotto il cosiddetto certificato oncologico

Smaltire le istanze giacenti nelle commissioni mediche per il riconoscimento delle minorazioni civili. E' per questo che stamani, al palazzo del Governo, sono stati ricevuti dal prefetto Filippo Romano, il commissario straordinario dell’Asp Giuseppe Capodieci e il direttore provinciale dell’Inps Peppino Fabio Segreto.

Il progetto, per smaltire le istanze, si snoda su tre direttrici fondamentali: l’immissione in servizio di nuovo personale, ossia di 9 impiegati; la normalizzazione del procedimento, aumentando il numero di sedute delle 15 commissioni, nonché il numero di pratiche esaminate per seduta; e l’introduzione del certificato oncologico. Proprio quest’ultimo - è stato reso noto dalla prefettura - costituisce strumento di focale importanza che permetterà ai medici oncologi – operanti presso strutture sanitarie pubbliche – di inserire i dati di rispettiva competenza, riguardanti il singolo malato oncologico, direttamente sulla piattaforma dedicata, gestita dall'Inps, evitando il filtro, fino ad ora, posto dal medico di medicina generale e che, sulla base dei dati, ha costituito il vero “freno a mano” del sistema. 

La realtà sanitaria agrigentina è la prima, in Sicilia, ad attuare tale protocollo operativo. 

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smaltire le istanze giacenti per il riconoscimento delle minorazioni civili: tracciata la strada

AgrigentoNotizie è in caricamento