rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Avviate indagini

Su quei siti internet esteri non avevano mai fatto neanche accesso, addebiti per centinaia di euro a due impiegati

Il cinquantanne e il quarantaduenne hanno denunciato le frodi informatiche subite alla polizia

Sono calate dell'8,89 per cento, passando - secondo i dati della Questura - da 1.440 a 1.312 nel periodo fra il primo aprile 2022 e il 31 marzo scorso. Ma non sono certamente finite. Si tratta di truffe e frodi informatiche che non hanno vittime privilegiate, ma possono "toccare" tutti. Anche chi non ha affatto dimestichezza con gli acquisti online, ma ha un bancomat o una carta di credito. 

Calano gli omicidi, le violenze sessuali e le intimidazioni, aumentano invece furti, rapine e le estorsioni denunciate

Due gli agrigentini che, nel giro di pochi giorni, non hanno potuto far altro che rivolgersi alla polizia, denunciando appunto di essere stati frodati. Identico, forse "tradizionale", il modus operandi. Dei siti internet esteri hanno fatto, in un caso, sette addebiti per un totale di 158 euro e nell'altro più movimenti di prelievo per 150 euro. Nessuno delle due vittime era mai stato su quei siti, né aveva fatto acquisti in precedenza. Uno lo ha scoperto vedendosi arrivare degli Sms e l'altro invece controllando, con la App, i soldi a disposizione sulla sua carta prepagata. 

Entrambi - un impiegato cinquantanne e un quarantaduenne - hanno, appunto, formalizzato denuncia a carico di ignoti. E la polizia ha, come sempre, avviato le indagini per provare a risalire agli autori delle frodi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Su quei siti internet esteri non avevano mai fatto neanche accesso, addebiti per centinaia di euro a due impiegati

AgrigentoNotizie è in caricamento