Venerdì, 19 Luglio 2024
La protesta

"Personale a rischio licenziamento": proclamato lo stato di agitazione degli addetti ai servizi di ristorazione

I sindacati hanno chiesto già un incontro nei mesi scorsi con il commissario senza però avere risposte

Proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori impegnati nel servizio di ristorazione degli ospedali della provincia di Agrigento. Ad annunciarlo, con una nota, i segretari generali Filcams Cgil, Fisascat Cisl  e Uil Tucs.

I sindacati puntano il dito verso l'Asp di Agrigento che, a loro parere, dimostrerebbe "di non avere alcuna considerazione e preoccupazione per le conseguenze sociali ed occupazionali dei lavoratori".

Già lo scorso 8 agosto le sigle avevano chiesto un incontro al commissario Zappia per trovare "soluzioni di salvaguardia occupazionale per i lavoratori impiegati nell’appalto dei servizi di ristorazione presso gli ospedali della provincia di Agrigento", ma la richiesta rimase senza risposa. I sindacati sono preoccupati soprattutto rispetto a quanto fino ad oggi trapelato rispetto alle modifiche al servizio che saranno apportate nel nuovo bando, "con la chiusura delle cucine ospedaliere che già al tempo della pandemia hanno subito parziali chiusure con un arresto delle funzionalità delle stesse, che ha prodotto come risultato l’utilizzo di ammortizzatori sociali da parte della società che gestisce l’appalto, ponendo anche in questo caso i lavoratori ad una perdita importante di salario".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Personale a rischio licenziamento": proclamato lo stato di agitazione degli addetti ai servizi di ristorazione
AgrigentoNotizie è in caricamento