Pagano: "Se la Lega vince le elezioni chiuderemo Villa Sikania"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

"Niente più migranti e clandestini a Villa Sikania e a Siculiana. Stop ai Centri di accoglienza straordinaria, vero fallimento sociale voluto dal Pd, e rimpatri di massa. Questo è quanto avverrà se i siciliani daranno fiducia alla Lega e a Salvini il prossimo 4 marzo. La protesta di questa mattina dei richiedenti asilo è qualcosa di vergognoso: quasi 200 migranti, tutti maschi, hanno interrotto il traffico sulla statale che collega Agrigento a Sciacca, mandando in tilt per ore tutta la viabilità e creando forti disagi alla comunità che li sta ospitando. Il motivo? Perché non si trovano bene in Hotel. Sembra vogliano anche i riscaldamenti h 24, mentre fuori i soldati che sorvegliano la struttura devono rimanere al freddo. Assurdo. Una situazione di forte tensione sociale, che negli ultimi mesi si è ripetuta in tanti altri Cas sul territorio italiano, e che è figlia del fallimento del sistema di accoglienza voluto dal Pd di Renzi e Gentiloni, dalla Boldrini e avallata dal M5S. La verità è che sono troppi e non possono essere più gestiti. Questa non è accoglienza, ma dietro le coop si cela una mentalità becera e anti cristiana che tratta il migrante come una merce su cui fare business. Il nostro progetto è di aiutarli a casa loro, perché questa situazione nel nostro Paese non è più sostenibile. E i fatti di oggi lo ribadiscono. Con Salvini siamo stati lo scorso ottobre proprio all'hotel Villa Sikania. Sosteniamo e siamo dalla parte della popolazione di Siculiana, dove torneremo dopo le elezioni per mantenere la promessa di chiusura del centro". Lo dichiarano il deputato Alessandro Pagano della Lega, segretario regione Sicilia occidentale, e Anna Sciangula responsabile di Agrigento del movimento di Salvini.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento