rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Siculiana

Vogliono essere trasferiti: migranti protestano sul tetto di Villa Sikania

A monitorare che non ci fossero incidenti, provando poi a convincerli affinché manifestassero le loro esigenze senza mettersi in pericolo, ci hanno pensato le forze dell'ordine

Nessuna fuga dalla struttura, né aggressioni alle forze dell’ordine. Una protesta è, però, tornata a sollevarsi a Villa Sikania, centro d’accoglienza per migranti di Siculiana. Un gruppetto di nordafricani, nella serata di venerdì, s’è arrampicato sui tetti di quello che una volta era un albergo di lusso dell’Agrigentino ed ha manifestato il desiderio e la voglia di andare via, d’essere trasferiti altrove. A monitorare che non ci fossero incidenti, provando poi a convincerli affinché manifestassero le loro esigenze senza mettersi in pericolo, ci hanno pensato polizia, carabinieri ed Esercito. A presidio della struttura, che si affaccia sulla strada statale 115: la Agrigento-Sciacca, all’ingresso di Siculiana, sono presenti infatti decine di tutori dell’ordine.

I migranti, minorenni per la maggior parte, vengono sistemati – in questo periodo dell’anno – a Villa Sikania dopo gli sbarchi su Lampedusa. Mentre gli adulti vanno sulle navi quarantena che si trovano in rada di Porto Empedocle o della stessa Lampedusa, per i minorenni viene sempre scelto l’ex hotel Villa Sikania.

Risale a metà dello scorso dicembre, l’ultima fuga di migranti – circa 13 - dalla struttura. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vogliono essere trasferiti: migranti protestano sul tetto di Villa Sikania

AgrigentoNotizie è in caricamento