rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Siculiana

"Provoca incidente con cinque feriti gravi, fugge e va a comprare la frutta": commessa conferma in aula

La 74enne avrebbe cercato di fare calmare le acque dopo avere provocato uno scontro frontale, facendo trascorrere le ore al centro commerciale

"Non conoscevo l'imputata ma ricordo che, quel giorno, entrò in negozio per acquistare delle prugne". Un'impiegata del centro commerciale nei pressi di Realmonte ricostruisce in aula i momenti immediatamente successivi al drammatico incidente stradale. Il processo, in corso davanti al giudice Giuseppe Sciarrotta, è quello a carico di Emanuela Magazzù, 74 anni, di Cattolica Eraclea, arrestata nel marzo del 2017 con l’accusa di avere provocato un grave incidente stradale, fuggendo e rifugiandosi per ore al centro commerciale nei pressi di Siculiana.

Lo scontro, con gravi conseguenze, tanto che uno dei cinque feriti (una delle vittime si è costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Fabio Inglima Modica) riportò la frattura di una vertebra, è avvenuto l’8 marzo di tre anni fa nella statale 115 fra Realmonte e Siculiana.

La settantenne, in sostanza, alla guida della sua Seat Leon, avrebbe fatto un sorpasso in un tratto dove era vietato, provocando il frontale con la Lancia Lybra dove si trovava un’intera famiglia che subì le conseguenze peggiori. All'identificazione dell'imputata si è arrivati attraverso la visione dei filmati di videosorveglianza di un supermercato.

Oggi l'impiegata del centro commerciale ha confermato di averla vista, come se nulla fosse accaduto, mentre cercava della frutta da acquistare. Si torna in aula il 12 novembre. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Provoca incidente con cinque feriti gravi, fugge e va a comprare la frutta": commessa conferma in aula

AgrigentoNotizie è in caricamento