menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO ARCHIVIO

FOTO ARCHIVIO

"Non dichiarò il falso quando testimoniò in una causa civile", assolto 60enne

Emanuele Izzo era stato chiamato a deporre in un processo per un contenzioso civilistico con alcuni condomini

Assoluzione perché il fatto non sussiste: i giudici della Corte di appello, ai quali si è rivolto il difensore dell'imputato, l'avvocato Salvatore Pennica, hanno scagionato dall'accusa di falsa testimonianza Emanuele Izzo, 60 anni, di Cattolica, condannato in primo grado dal tribunale di Agrigento a un anno e quattro mesi di reclusione per l'accusa di falsa testimonianza.

La vicenda scaturiva dalla denuncia di due condomini di uno stabile di Siculiana (uno degli eredi si è costituito parte civile e in appello è stato rappresentato dall'avvocato Daniela Posante) nell'ambito di un contenzioso legato alla collocazione di un'antenna parabolica. Izzo, secondo il giudice di primo grado, aveva riferito delle circostanze false all’udienza civile.

La difesa ha sostenuto che la sua versione non era in contrasto con la realtà e che era stato accusato dolo per l'astio nutrito contro di lui dall'amministratore e da altri condomini. I giudici hanno pure revocato la condanna al risarcimento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento