menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il centro di Villa Sikania

Il centro di Villa Sikania

Ospiti di Villa Sikania pestati e rapinati, convalidati i fermi di due giovani migranti

Una sedicenne ivoriana e un ragazzo del Gambia di un anno più grande sono stati collocati in una comunità: i due minorenni, che avrebbero fatto parte di una banda che terrorizzava gli ospiti del centro, hanno respinto le accuse

Fermo convalidato e collocamento in una comunità che sarà indicata dal Centro di giustizia minorile: questa la decsisione del giudice Alessandra Puglisi, del tribunale per i minorenni di Palermo, che ha emesso l'ordinanza in merito al caso dei due minorenni - una ragazza sedicenne della Costa d'Avorio e un gambiano di un anno più grande - bloccati dalla polizia con l'accusa di rapina ed estorsione ai danni di altri ospiti del centro Villa Sikania.

Nei confronti dei due minorenni, difesi dall'avvocato Roberto Majorini, che nel corso dell'interrogatorio si sono detti estranei ai fatti, è stata applicata una misura cautelare minore rispetto a quanto chiesto dal pubblico ministero Massimo Russo che sollecitava il carcere.

Le accuse nei loro confronti - ipotizzate insieme ad un altro gruppo di migranti che sarebbero fuggiti e non sono stati individuati - sono di rapina ed estorsione. I fatti sarebbero andati avanti dal 12 novembre al 17 dicembre: a denunciare le violenze subite ai poliziotti del commissariato di Porto Empedocle, diretto da Chiara Sciarabba, sono state le stesse vittime che hanno riconosciuto i loro aguzzini indicandoli anche in alcuni album fotografici.

Alcuni ospiti del centro sarebbero stati immobilizzati brutalmente picchiati con calci, pugni, oggetti in ferro e in legno oppure torturati con dei jeans arrotolati bagnati di acqua per avere soldi, vestiario o il cellulare. Qualcuno avrebbe, inoltre, pagato una somma di 5 o 10 euro per avere indietro il cellulare o, semplicemente, per essere lasciato in pace.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento