menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Questura di Agrigento

La Questura di Agrigento

Condannati e rimpatriati sono tornati in Italia, arrestati 9 tunisini

Fra gli immigrati, bloccati dalla Squadra Mobile, anche delle persone che sono tornate a Lampedusa dopo che erano stati respinti con provvedimento del questore

Nove arresti, nel giro di pochissime ore, da parte della Squadra Mobile della Questura di Agrigento. I poliziotti - coordinati dal vice questore aggiunto Giovanni Minardi - ad ogni approdo si cimentano in quella che è una vera e propria attività di intelligence: capire cioè chi sono le persone sbarcate e se hanno commesso o meno dei reati. Ma c'è d'appurare anche se fra gli sbarcati ci sono pure soggetti che, magari, in precedenza erano stati espulsi e che, dunque, sono arbitrariamente rientrati. 

Così è stato negli scorsi giorni dopo gli sbarchi registratisi a Lampedusa. Fra i tunisini, poi, trasferiti a Villa Sikania a Siculiana, i poliziotti della sezione Criminalità straniera della Squadra Mobile - dopo aver proceduto all'identificazione e alla comparazione di fotosegnaletiche e impronte digitali soprattutto - hanno scovato 9 persone che sono tornate illegalmente in Italia dopo che erano stati espulsi dal prefetto. Fra loro, però, anche due che devono scontare delle condanne per reati precedentemente commessi lungo la penisola. Uno dei due, in particolare, si era reso artefice di diversi e gravi reati come rapina e lesioni aggravate. Altri due sono risultati essere già respinti con provvedimento del questore. Un altro è stato arrestato - in forza di un provvedimento dell'autorità giudiziaria - avendo riportato e dovendo espiare, in Italia, la condanna per reati di incendio, lesioni aggravate e violenza privata. 

I migranti sono stati bloccati tutti a Villa Sikania da dove, nei giorni scorsi appunto, qualcuno di loro - all'arrivo dei poliziotti - ha anche tentato, ma invano, la fuga. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento