"Si appropriò di 200 mila euro dei clienti", riesame conferma obbligo di firma per ex direttore Poste

I giudici rigettano il ricorso della difesa che chiedeva la revoca del provvedimento cautelare nei confronti dell'agrigentino Vincenzo Di Rosa, 56 anni

Confermato l'obbligo di firma per l'ex direttore delle Poste di Castrofilippo

Ordinanza confermata: i giudici del tribunale del riesame di Palermo rigettano il ricorso dei difensori, gli avvocati Alfonso Neri e Salvatore Pennica, e confermano il provvedimento cautelare che impone l'obbligo di firma, per due volte alla settimana, nei confronti dell'ex direttore dell'ufficio postale di Castrofilippo, Vincenzo Di Rosa, 56 anni, accusato di avere sottratto circa 250 mila euro ai clienti.

LEGGI ANCHE: "Si appropriò di 250 mila euro dei clienti", difesa chiede revoca della misura al riesame

L’avvenuto licenziamento dalle Poste, secondo i difensori, faceva venire meno le esigenze cautelari "perché l’indagato non ha più alcuna possibilità di reiterare i reati”. Nei suoi confronti, peraltro, era stato disposto anche un sequestro di beni che aveva riguardato una motocicletta e la quota del 50 per cento di un immobile. I difensori, lunedì mattina, davanti al tribunale del riesame, avevano illustrato il loro ricorso, sottolineando anche la circostanza che “è trascorso circa un anno dai fatti e le esigenze cautelari non possono più ritenersi attuali”.

LEGGI ANCHE: "Fece sparire soldi dei clienti", obbligo di firma per ex direttore delle Poste

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giudici, invece, nelle scorse ore hanno depositato l'ordinanza con cui confermano il provvedimento. L’ordinanza di applicazione della misura cautelare è stata emessa il 27 marzo dal gip Francesco Provenzano. Il pubblico ministero Alessandra Russo, titolare dell’inchiesta che ipotizza i reati di truffa e peculato, aveva chiesto gli arresti domiciliari ma il giudice ha ritenuto sufficiente l’applicazione dell’obbligo di firma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento