Shooting per videogioco strategico-culturale, la rievocazione storica è da applausi

Sul set: Daniele Leone, Angelo Cammalleri, Alessandro Catania, Maria De Paola, Viviana Caparelli Lentini, Francesca Calà e Giovanni Mulè. Ha collaborato Fabio Amato del gruppo archeologico Finziade

Uno spettacolo a cielo aperto. La rievocazione storica sulle rotte dei Fenici nell’area archeologica del monte Sant’Angelo di Licata, è stato davvero uno spettacolo. L'idea, fa parte del progetto “Mediterranean”, un videogioco strategico-culturale ambientato nel Mediterraneo antico e incentrato sull’espansione marittima fenicia, presentato mercoledì scorso al “Rome Videogame Lab”. 

La rievocazione è stata ideata e curata da Alessandra Conti e immortalata dal fotografo Sandro Cosentino. Nel dettaglio sono state rappresentate  scene per le foto di promozione del videogame realizzato dalla Entertainment Game Apps guidata da Maurizio Amoroso.

Tra i rievocatori sul set: Daniele Leone, Angelo Cammalleri, Alessandro Catania, Maria De Paola, Viviana Caparelli Lentini, Francesca Calà e Giovanni Mulè. Ha collaborato Fabio Amato del gruppo archeologico Finziade.

Il videogame, la cui app sarà diffusa gratuitamente, rientra tra le iniziative del progetto Trames (Smart tourism across the Mediterranean sea) cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Cosme che coinvolge otto partner in rappresentanza di sei nazioni europee per la creazione di un’offerta turistica innovativa in cinque aree pilota nel bacino del Mediterraneo.  Trames è basato sulla Rotta dei Fenici – itinerario inserito dal 2003 nel programma "Itinerari Culturali" del consiglio d’Europa e riconosciuto dal 2016 dall’organizzazione Mondiale del Turismo – che promuove il dialogo culturale attraverso il patrimonio culturale e archeologico delle civiltà mediterranee seguendo le antiche rotte nautiche e marittime. 

Avviato il 26 marzo di quest’anno, il progetto si concluderà il 25 marzo 2021 e prevede la creazione di otto Smart Ways, ovvero percorsi basati su temi innovativi e attuali tra cui sostenibilità, turismo creativo, coinvolgimento attivo delle popolazioni e degli imprenditori locali. Il videogioco “Mediterranean” è fra gli strumenti di promozione dei territori coinvolti.

"La storia e il patrimonio culturale  – spiega l’amministratore delegato della Entertainment Game Apps Maurizio Amoroso – sono i veri protagonisti del gioco. Mettiamo al primo posto il contenuto curando nei minimi particolari le ricostruzioni basandoci sulle più aggiornate ricerche storico-archeologiche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento