rotate-mobile
Tribunale / Ribera

"Non ci fu sfruttamento dei lavoratori albanesi e romeni": il giudice assolve tre riberesi

Gli imputati erano stati accusati d'aver impiegato i braccianti agricoli con una paga di 40 euro al giorno, anziché i 71 previsti

Il giudice monocratico del tribunale di Sciacca, Dario Hamel, ha assolto i riberesi Antonino Mirabile di 59 anni, Giuseppe Antonio Orlando di 60 e Giuseppa Graci di 83 anni dall'accusa di caporalato. 

"Da oltre 4 anni vengo faccio il bracciante per pochi spiccioli": denunciati padre e figlio

L'anziana, titolare dell'impresa agricola; il figlio, quale amministratore di fatto dell'azienda, e Mirabile in quanto proprietario del terreno erano stati accusati d'aver impiegato, in campagna a Ribera, lavoratori albanesi e romeni con una paga di 40 euro al giorno, a fronte dei 71 previsti. Il giudice monocratico, accogliendo quanto rappresentato dagli avvocati difensori, ha assolto tutti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non ci fu sfruttamento dei lavoratori albanesi e romeni": il giudice assolve tre riberesi

AgrigentoNotizie è in caricamento