“Settimana di scambio”: arrivano gli studenti stranieri, saranno ospitati dalle famiglie

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Si rinnova anche quest’anno uno degli appuntamenti più attesi da molti studenti e famiglie delle scuole superiori di secondo grado di Sciacca e Ribera: dal 31 marzo al 7 aprile si svolgerà la “Settimana di scambio” organizzata dai volontari di Intercultura di Sciacca per permettere a chi lo desidera di aprire la propria porta di casa al mondo per un breve periodo di tempo. Sono attesi per quella settimana otto studenti stranieri di altrettante nazionalità che stanno trascorrendo il loro anno di studio e di vita con Intercultura in una diversa parte dell’Italia, sempre ospitati su base volontaria da una famiglia locale e frequentando una scuola pubblica, così come qualsiasi adolescente italiano.

La bolivania Mariana Lucia Munoz Guzman proveniente dal Centro Locale di Arezzo, Vania Yanira Mill an Espejo da Pescia, la portoghese Cecilia Henriquez da Sanremo, Aleksandra Budzyn, polacca, da Lovario, Thora Tuesen danese di Conegliano e Arnarissoq Johansen, groenlandese da Reggio E. e per finire Yasuko Yamamoto, giapponese e l’indonesiano Mohammad Abdul Ghoffar da Vicenza, saranno guidati alla conoscenza del nostro territorio non solo dai volontari locali di Intercultura, ma anche da “guide turistiche” molto speciali: i loro coetanei stranieri che stanno attualmente trascorrendo il loro anno scolastico nella nostra zona, la tailandese Achiraya Papkin, per tutti Nadia, il dominicano Enyer (Angelo) Grey Severino, Boyana Zivalievic serba e la venezuelana Eugenia Isabella Marquina Serrano tutti a Ribera, Alonso Lopez Figueroa cileno a Sciacca e Keireny Cuevas Marte dominicana a Montevago. Il programma studiato dai volontari di Intercultura di Sciacca, dal titolo “Al centro del Mediterraneo, una dimensione fantastica nelle tue foto”, prevede un percorso strutturato con momenti di educazione alla mondialità per permettere a questi giovani che sono qui doppiamente ambasciatori – del loro Paese natio e della città italiana che li sta ospitando – di conoscere un nuovo volto dell’Italia, un Paese così poliedrico nella cultura, usi, costumi, paesaggi, gastronomia, proposte artistiche da renderlo veramente unico. Una parte importante della Settimana di scambio sarà dedicata agli incontri organizzati dalle scuole del territorio, il liceo classico Fazello di Sciacca e l’IIS Crispi di Ribera, che dimostrano di essere sempre in prima linea nel desiderio di proseguire a lunghi passi nel processo di internazionalizzazione, offrendo ai propri studenti la possibilità di conoscere un condensato di culture diverse e di riflettere sull’importante tema delle competenze per una cultura della democrazia. Sono, inoltre, previste visite alla scoperta delle peculiarità del territorio: i ragazzi passeggeranno per le strade di Sciacca, ne scopriranno attività economiche, monumenti e impianto urbanistico e visiteranno un laboratorio di ceramiche locali mettendo le mani in pasta. A Ribera presso l’azienda Ganduscio assaggeranno arance e spremute bio e visiteranno il Castello di Poggio Diana. La immancabile visita alla Valle dei templi di Agrigento, sarà guidata da studenti del Corso Turistico del Crispi di Ribera. inoltre, i quattordici ragazzi del mondo con alcuni fratelli ospitanti di Sciacca percorreranno un itinerario arabo normanno tra il duomo di Monreale e la cappella Palatina, incontro fruttuoso tra mondi diversi, le culture romanica, bizantina, araba e normanna. Infine, VENERDI' 5 alle ore 11:00, presso l’IIS CRISPI di RIBERA, alla presenza delle famiglie del Crispi si concluderà la 7° edizione della Maratona Fotografica "Al centro del Mediterraneo, una dimensione fantastica nelle tue foto”. Una commissione di giornalisti sceglierà le foto più interessanti scattate durante la settimana dai quattordici ragazzi ed il Sindaco d Ribera, l’Assessore alla Cultura e la Dirigente Scolastica del Crispi premieranno i tre vincitori con un piatto commemorativo di un ceramista di Sciacca. Unico comune denominatore di tutti questi appuntamenti, oltre alla conoscenza e il confronto con gli studenti provenienti da altre parti del mondo, saranno le attività di educazione interculturale in cui i ragazzi delle classi italiane, interagendo con i giovani ospiti, saranno chiamati a riflettere su tematiche globali legate alla sfera dei valori, degli atteggiamenti. delle abilità e delle conoscenze e comprensioni critiche di se stessi, L’Associazione Intercultura Onlus (www.intercultura.it) (fondata nel 1955) è un ente morale. E’ presente in 157 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all’AFS Intercultural Programs e all’EFIL. L’Associazione promuove e finanzia programmi scolastici internazionali: ogni anno più di 2.200 studenti delle scuole superiori italiane trascorrono un periodo di studio all’estero e vengono accolti nel nostro Paese quasi 1.000 ragazzi da tutto il mondo che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento