menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Racalmuto, parte servizio di tutela randagi e prevenzione del randagismo

E' partito il servizio. Insieme ai volontari che a Racalmuto assistono i cani randagi è stato elaborato un modello che prevede la cattura, il ricovero presso il rifugio di Canicattì, la microchippatura, la sterilizzazione e il rilascio dell'animale randagio nel territorio

E' partito il servizio di tutela dei cani randagi e di prevenzione del randagismo. Non si articolerà più sulla cattura e ricovero presso un canile, con costi onerosi per la comunità. Insieme ai volontari che a Racalmuto assistono i cani randagi è stato elaborato un modello che prevede la cattura, il ricovero presso il rifugio di Canicattì, la microchippatura, la sterilizzazione e il rilascio dell'animale randagio nel territorio.

«Il cane sterilizzato diventa meno aggressivo e marca il territorio comunale, proteggendolo dall'intrusione di altri randagi - dice il sindaco Emilio Messana -. Diventa fondamentale, a questo punto, il coinvolgimento dei nostri volontari nell'opera di sensibilizzazione e partecipazione della nostra comunità alla cura dei cani randagi. Naturalmente, chi vorrà potrà adottare il cane e potranno pure promuoversi adozioni di quartiere. Sperimentare un nuovo modello rispetto alla soluzione "canile" non è stato facile. Insieme all'assessore Alessi e al tecnico comunale Ignazio Romano abbiamo chiamato a raccolta e recepito le istanze dei nostri volontari, i quali si sono pure costituiti nell'associazione "Qua la zampa" per rendere più efficiente ed organizzata la loro azione. Grazie al supporto dell'Asp Servizio Veterinario di Agrigento, abbiamo potuto prevedere un servizio che coniugasse il benessere del cane, la tutela del territorio e la sicurezza dei cittadini. Insieme al Comune di Canicattì, con il sindaco Corbo, abbiamo elaborato una convenzione per l'utilizzo del rifugio per cani che si trova nella loro città. La legge regionale infatti prevede e favorisce la gestione sovracomunale del randagismo, perché un'azione concertata e condivisa, soprattutto tra comuni confinanti, consente nel medio periodo di contenere il fenomeno. Coordinare uffici ed istituzioni non è stato semplice e, finalmente - conclude il sindaco  Messana - venerdì scorso la ditta Pansica ha accalappiato i primi quattro cani. Un ringraziamento speciale al professore Guglielmo Giudice, la sua passione e il suo impegno sono uno stimolo per tutti noi.
Adesso si procederà ad un controllo capillare del territorio e si assegnerà un termine per microchippare i cani, perché buona parte del randagismo scaturisce dall'irresponsabilità di quanti abbandonano i loro cani per strada
».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento