Lo "scontro" fra l'avvocato Picone e Le Iene: il giudice ordina nuova rimozione del servizio

Il tribunale lo ritiene diffamatorio, il difensore della professionista: "Per questo filmato ha subito pure minacce di morte"

Il giudice Rossana Musumeci, della sezione civile del tribunale di Agrigento, ha disposto la rimozione, dal sito della trasmissione Le Iene e dai relativi profili social, del servizio, andato in onda lo scorso febbraio, relativo al caso dell'avvocatessa Francesca Picone che, alcuni mesi prima era stata condannata a 4 anni di reclusione per l'accusa di avere estorto dei pagamenti non dovuti ai familiari di alcuni clienti disabili del suo studio. 

Si tratta del terzo caso, dopo quelli dell'11 e del 18 dicembre del 2016, come sottolineato dal difensore della professionista, l'avvocato Angelo Farruggia, in cui il tribunale "riconoscendo alcuni profili diffamatori", ne ordina la rimozione. 

"Dopo la messa in onda del servizio televisivo avvenuta il 12 febbraio 2019 - spiega il legale - l’avvocato Francesca Picone, nelle more raggiunta sui social persino da minacce di morte, ha denunciato ancora una volta il carattere diffamatorio del servizio televisivo, in cui, tra le altre cose, si affermava, e non era vero, che era stata lei a pignorare 20 mila euro alla famiglia Schembri; in cui si affermava, e non era vero, che aveva preteso 50 mila euro che dovevano andare ai propri clienti, in quanto, l’unica somma percepita per la prestazione professionale svolta in loro favore era di 5 mila euro e non di 50 mila".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il legale aggiunge: "ll clamore mediatico alimentato ad arte da alcuni protagonisti della vicenda, ha avuto ripercussioni sul sereno svolgimento del processo penale. In uno Stato di diritto, l’imputato deve potersi serenamente difendere nelle aule di giustizia e non ha gli strumenti per farlo dal parallello quanto ingiusto processo mediatico". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento