Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Gestione del servizio idrico, si avvicina la data di "scadenza": vertice in Prefettura

Oggi si terrà un momento di confronto alla presenza dei vertici dell'Ati e dell'Aica, del commissario prefettizio Gervasio Venuti, ovviamente del prefetto e dell'assessore regionale agli Enti Locali Marco Zambuto

La sede della Prefettura

Si avvicina sempre di più la data di "scadenza" della gestione commissariale del servizio idrico integrato in provincia di Agrigento che, come noto, terminerà il prossimo 2 agosto, e si moltiplicano gli incontri tecnici per evitare "buchi" o pericolose discontinuità.

Oggi alle 16, presso la Prefettura di Agrigento si terrà un momento di confronto alla presenza dei vertici dell'Ati e dell'Aica, del commissario prefettizio Gervasio Venuti, ovviamente del prefetto e dell'assessore regionale agli Enti Locali Marco Zambuto.

Primo punto sarà, evidentemente, il disegno di legge esitato dalla Giunta regionale la scorsa settimana e destinato a garantire una prima copertura economica alla nuova Aica per evitare uno stop del sistema. Il documento è già al vaglio delle commissioni a dovrebbe arrivare all'Ars a giorni, sicuramente ben prima della pausa estiva di Sala d'Ercole.

Poi bisognerà avere rassicurazioni sugli aspetti operativi in sé: con o senza le risorse, la macchina organizzativa sarà in grado di garantire il funzionamento di un servizio così complesso su una base territoriale così ampia? Si punterà, in una prima fase, su una collaborazione tecnica con i Comuni, come si è ipotizzato di fare ad esempio con le attività di riparazione dei guasti? Lo si scoprirà oggi pomeriggio.

Intanto, sul fronte (anche questo caldissimo) dei lavoratori delle fallite Girgenti Acque e Hydortecne, nei giorni scorsi è stato istituito un tavolo permanente che seguirà il processo di transizione di cui faranno parte ovviamente i sindacati.

"I componenti del Cda dell'Aica - dicevano i rappresentanti dei lavoratori in una nota -  hanno comunicato che è in corso una trattativa con la curatela fallimentare per l'affitto di ramo d'azienda per un breve periodo che consentirebbe la gestione del servizio in attesa che l' Aica si strutturi e diventi autonoma. In questo periodo transitorio i rapporti di lavoro resteranno quelli attuali da tutti i punti di vista e saranno garantite le retribuzioni. L'avvio è positivo ma il percorso è ancora lungo, quindi è necessario il massimo impegno di tutti  nel quotidiano lavoro al servizio della collettività e la massima coesione tra i lavoratori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione del servizio idrico, si avvicina la data di "scadenza": vertice in Prefettura

AgrigentoNotizie è in caricamento