rotate-mobile
La polemica

Servizio idrico, il cda Aica "snobba" le associazioni: "Vogliamo vedere gli atti"

La consulta, composta dai rappresentanti di alcune sigle, lamenta la sostanziale "disattenzione" da parte del consiglio d'amministrazione anche soltanto nel fornire le carte necessarie

Si alza il livello dello scontro all'interno di Aica tra il consiglio di amministrazione della società e la consulta delle associazioni.

Tutto nasce, si scopre da un documento inviato dal presidente di quest'ultima, Giuseppe Di Miceli al cda per avanzare una lunga serie di rivendicazioni e inadempienze. 

A scatenare la polemica l'assenza dei vertici di Aica ad un incontro risalente allo scorso 25 luglio "nonostante - scrive Di Miceli - la data della seduta fosse stata concordata. Ancora più grave è stato il mancato invio del bilancio consuntivo da parte del Cda a questa consulta, la quale ne ha avuto notizia e copia solo grazie alla disponibilità del presidente dell'assemblea dei sindaci".

Quindi, per poter operare l'attività di controllo prevista, le associazioni chiede una lunga serie di documenti, oltre che una concreta giustificazione per l'impasse attuale rispetto alla nomina del nuovo direttore generale. Al direttore pro-tempore, inoltre, viene chiesta "una relazione sul proprio operato indicando gli strumenti attivati per le criticità riscontrate".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio idrico, il cda Aica "snobba" le associazioni: "Vogliamo vedere gli atti"

AgrigentoNotizie è in caricamento