Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Parcheggi vuoti, musei deserti: il Comune spende 100 e incassa 36

Ha pesato certamente il periodo di lockdown in primavera, ma altre voci rimangono cronicamente in "rosso"

Li chiamano "servizi a domanda individuale". Sono quelle attività che prevedono una parziale copertura da parte dei cittadini che ne usufruiscono e che tuttavia, in larga parte, si traducono in gigantesche uscite di bilancio per gli enti locali, per la scarsa redditività degli stessi. E Agrigento, purtroppo, non fa eccezione. L'ultimo accertamento in tal senso è stato adottato nei giorni scorsi dalla Giunta comunale per l'anno 2020 ed è parte integrante della proposta di bilancio previsionale 2020-2022 già adottata dall'amministrazione e trasferita adesso ai revisori dei conti.

A fronte di una spesa complessiva di 810mila euro, il Municipio certifica incasi solo per 294.702. La voce che pesa maggiormente è certamente quella per gli asili nido: si spendono 259.600 euro e se ne incassano solo 38.500. Non va meglio per teatri, musei e gallerie comunali: i costi sono di ben 219mila euro, gli incassi solo 10mila euro in un anno.

Anche gli impianti sportivi, oggi in larghissima parte affidati a privati non fanno eccezione, anche se con numeri più ridotti: costano sono costati al Comune 12mila euro e ne hanno fatti incassare mille. Centonomila euro è costata garantire il servizio di mensa scolastica, con solo 50mila euro di incassi.

In pareggio - e qui a pesare sono i mesi di lockdown, così come per i musei - gli introiti pe ri parcheggi, con spese per 45mila euro e incassi per il medesimo importo. In perdita la voce connessa a trasporti funebri e illuminazione votiva al cimitero: a fronte di 165mila euro di uscite si stima di incassare solo 150mila euro.

Così, numeri alla mano (e considerando che per legge le somme che riguardano gli asili nido vanno conteggiate in modo differente), la copertura accertata dei servizi è di solo il 36% circa, con la conseguenza che l'ente dovrà, per il futuro, valutare ulteriori misure restrittive sui costi e un possibile rialzo verso l'alto delle tariffe, quando non già elevate ai limiti previsti dalla norma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggi vuoti, musei deserti: il Comune spende 100 e incassa 36

AgrigentoNotizie è in caricamento