menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Il pontile del molo Crispi è pericoloso», la Capitaneria empedoclina lo smonta

Vista la scarsa sicurezza del pontile galleggiante del molo Crispi, nel porto empedoclino, la struttura è sotto sequestro e fino al 15 aprile prossimo sarà oggetto di ispezione subacquea finalizzata al suo smontaggio

Nel 2013 la prima nota della Capitaneria evidenziava la scarsa sicurezza del pontile galleggiante del molo Crispi, nel porto empedoclino. Da ieri la struttura, ritenuta pericolosa, è sotto sequestro e fino al 15 aprile prossimo sarà oggetto di ispezione subacquea finalizzata al suo smontaggio.

Dopo i primi "contatti" con l'Amministrazione attiva, si sono succeduti tavoli tecnici e ordinanze che vietavano transito, sosta, ormeggio, navigazione e ogni altra attività nei pressi o aventi come oggetti la struttura, visto «lo stato di evidente abbandono e la mancanza di manutenzione». Nel 2015 «la ditta DE.MA. ha relazionato alla amministrazione comunale che: “I sistemi di ancoraggio della struttura galleggiante sono inesistenti"», si legge ancora nell'ordinanza della Capitaneria.

Per l'"inattività" degli organi competenti e per la mancanza di iniziative a tutela della pubblica incolumità, a gennaio scorso è stato ingiunto al Comune di sgomberare il pontile e sono state quindi predisposte «attività urgenti di ispezione subacquea e rimozione di un pontile galleggiante di complessivi 52 metri presso il molo Crispi dell’area portuale di Porto Empedocle», con le conseguenti disposizioni e divieti per la sicurezza della navigazione e 
portuale, la tutela della pubblica incolumità e la salvaguardia ambientale fino alla fine delle operazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento