Discarica sequestrata, Legambiente attacca: "Ci costituiremo parte civile"

I carabinieri, su disposizione della Procura, hanno eseguito il provvedimento su uno degli impianti più grossi in Sicilia

Gianfranco Zanna

E' stata sequestrata ieri la discarica contrada Matarano di Siculiana, attualmente in gestione alla Catanzaro Costruzioni, e dell’impianto stesso. Ad intervenire, senza mezzi terminini, è Legambiente. Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, parla di una "situazione gravissima". 

Il provvedimento, su richiesta del procuratore Luigi Patronaggio e del pm Alessandra Russo, è stato firmato dal gip Francesco Provenzano. Tre gli indagati, si tratta dei gestori dell'impianto riconducibile all'ex presidente di Sicindustria Sicilia Giuseppe Catanzaro e ai suoi fratelli. Giuseppe Catanzaro - va precisato - ex presidente di Confindustria Sicilia, non è più da qualche mese dirigente della “Catanzaro Costruzioni”. 

“L’ennesima discarica chiusa per irregolarità tecnico-amministrative dell'impianto e le conseguenti ricadute sul territorio con contaminazione del suolo e delle acque e di pregiudizio per l'ambiente e per la salute pubblica. Non è più ammissibile - dice Zianna -  leggere queste notizie. E ancora una volta, denunciamo che si tratta di una gravissima responsabilità politica di tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi vent’anni, dell’intero arco parlamentare, di chi sta in maggioranza e, persino, di chi dall’opposizione non ha sollevato la questione seriamente e fino in fondo, chiedendo, come noi facciamo da tempo, soluzioni alternative e coerenti al ‘sistema delle discariche’. L’unica soluzione resta quella di puntare, in modo drastico, senza contraddizioni o tentennamenti, sulla raccolta differenziata; costruire tanti impianti di riciclo diffusi in tutta la regione a partire dai digestori anaerobici per produrre biometano e compost; prevedere la chiusura di tutte le attuali discariche al completamento delle loro capacità di abbancamento, portando, eventualmente, i rifiuti fuori dalla Sicilia. Contrari, ovviamente, a qualsiasi ipotesi di ampliamento delle discariche. Nel caso della discarica di Siculiana, in un eventuale processo, ci costituiremo parte civile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento