menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sequestro Dia a Racalmuto, l'intervento di Liberofuturo

La notizia odierna di confisca da parte della Dia di beni per 54 milioni di euro ad imprenditori della provincia agrigentina ritenuti "contigui a cosa nostra" evidenzia ancora una volta quanto il nostro tessuto economico sia permeato da operatori economici che alterano le normali regole di mercato a discapito delle numerose aziende oneste e delle relative famiglie di lavoratori

"La notizia odierna di confisca da parte della Dia di beni per 54 milioni di euro ad imprenditori della provincia agrigentina ritenuti "contigui a cosa nostra" evidenzia ancora una volta quanto il nostro tessuto economico sia permeato da operatori economici che alterano le normali regole di mercato a discapito delle numerose aziende oneste e delle relative famiglie di lavoratori.

Al contempo, però, la forte presenza dello Stato garantisce che coloro i quali operano nell'illegalità non restino impuniti".

E' questo il commento di Andrea Messina, presidente dell'associazione antiracket agrigentina dedicata a Libero Grassi.

"Tutti gli operatori economici - aggiunge Giuseppe Catanzaro, vicepresidente di Confindustria Sicilia - devono prendere atto che fare affari con i mafiosi rappresenta una via senza ritorno e un limite per la normalità.

Da questa ennesima affermazione del primato dello Stato gli operatori economici soprattutto i più piccoli prendano atto che produrre nella normalità è possibile e, per farlo, è necessario non subire e denunciare senza esitazione alcuna".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento