menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I sigilli apposti al cancello del depuratore

I sigilli apposti al cancello del depuratore

Sequestrato depuratore, due persone sono state denunciate alla Procura

A procedere sono stati i carabinieri della compagnia di Cammarata ed il personale tecnico dell'Arpa di Agrigento

Sequestrato il depuratore di San Biagio Platani. A procedere sono stati i carabinieri di San Biagio Platani e della compagnia di Cammarata ed il personale tecnico dell'Arpa di Agrigento. Due persone, due amministratori comunali, sono state denunciate perché ritenute - secondo i carabinieri - responsabili di inquinamento ambientale ed attività di gestione di rifiuti non autorizzata. 

Le indagini sono state svolte proprio dai carabinieri assieme ai tecnici dell'Arpa. Accertamenti che "consentivano d'accertare - scrivono i militari dell'Arma di Cammarata - lo smaltimento illecito di rifiuti, potenzialmente patogeni". 

In particolare, ricostruiscono ancora gli investigatori, veniva constatato che dal depuratore comunale di contrada Pizzuta, "lasciato in stato di totale abbandono, fuoriuscivano liquidi di colore scuro e maleodoranti che confluivano nel fiume Platani". Le successive analisi tecniche stabilivano la presenza, nei campioni di acqua prelevati, di sostanze inquinanti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento