Furgoni sospetti, scatta il controllo: sequestrati 700 chili di pesce

Sono state rinvenute 108 cassette di seppie per un totale di 302 Kg sul primo mezzo e 127 cassette di seppie sul secondo mezzo per un totale di 389 Kg

Maxi sequestro da parte della Capitaneria di Porto e della polizia di Palma di Montechiaro. Via 700 kg di pesce. Nel dettaglio, gli uomini della Capitaneria di Porto di Empedocle, al comando del Capitano di Fregata Gennaro Fusco, hanno portato a termine una importante operazione di contrasto nei confronti della pesca abusiva di seppie.

L’attività si è svolta in maniera congiunta con gli agenti del commissariato di polizia di Palma di Montechiaro, località dove si sono sviluppati gli eventi.

Nello specifico i militari, sono entrati in azione in seguito ad una comunicazione telefonica da parte della polizia di Stato pervenuta alla sala operativa della Guardia Costiera di Porto Empedocle, inerente la presenza di due grossi furgoni sospetti, sul litorale di Marina di Palma, che erano stati caricati con un ingente quantitativo di seppie.

Secondo quanto ricostruito dalla Guardia costiera, i mezzi sono stati scortati presso il commissariato di Polizia di Palma,  dove si è proceduto ad una ispezione accurata del contenuto all’interno. Sono quindi state rinvenute 108 cassette di seppie per un totale di 302 Kg sul primo mezzo e 127 cassette di seppie sul secondo mezzo per un totale di 389 Kg. Tutti i prodotti ittici sono risultati privi di tracciabilità in quanto provenienti da una pesca di tipo abusivo, si è proceduto alla verbalizzazione dei due trasgressori proprietari dei mezzi e al sequestro della merce. In seguito sono stati contattati i medici dell’zienda sanitaria provinciale di Agrigento per un controllo delle specie ittiche, dichiarate idonee al consumo umano, trattandosi di prodotto freschissimo.

Il prodotto sequestrato, per un totale complessivo di circa 700 kg, verrà donato ad enti caritatevoli, come previsto dalla normativa in vigore.

I poliziotti del commissariato di Palma di Montechiaro, nelle ultime ore, hanno potenziato i controlli sulle aree balneari. Zone che, inevitabilmente, verranno prese d’assalto da turisti e vacanzieri in occasione dei giorni di Pasqua e dei successivi ponti. Ed è proprio durante uno di questi meticolosi controlli che i poliziotti hanno notato, sulla spiaggia di Marina di Palma, tantissime cassette di pesce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comandante Gennaro Fusco ha manifestato il suo "vivo apprezzamento per il risultato ottenuto che rappresenta un segnale forte nella lotta contro l’abusivismo. Infatti questo mercato nero con dei prezzi al ribasso, e privo di garanzie legali, fa concorrenza sleale, modificandone le logiche di mercato, agli operatori del settore della commercializzazione dei prodotti ittici che agiscono in modo conforme ai requisiti previsti dalla legge". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: muore commerciante di Canicattì, seconda vittima dopo l'anziana di Sambuca

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 5 alunni positivi a Porto Empedocle e 3 a Lampedusa: salgono a 15 i contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento