Sequestrati 500 milioni in beni ai fratelli Cascio

I due margheritesi sono stati arrestati nell'ambito dell'operazione "Scacco matto". Uno sarebbe...

Sequestrati 500 milioni in beni ai fratelli Cascio
La sezione misure di prevenzione del Tribunale di Agrigento ha ordinato la confisca di beni, per un valore di circa 500 milioni di euro, ai fratelli Rosario e Vitino Cascio, arrestati nel luglio del 2008 nel corso dell'operazione antimafia "Scacco matto"; Rosario, in particolare, era stato indicato come prestanome del boss Matteo Messina Denaro.

I beni confiscati sono per lo più aziende per la produzione di materiale edile. Il Tribunale ha anche applicato la sorveglianza speciale per 4 anni, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, ai due fratelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento