menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Mediterranea Saving Humans

Foto Mediterranea Saving Humans

"Favoreggiamento dell'immigrazione clandestina", sequestrata la nave Mare Jonio

La Procura di Agrigento, nelle prossime ore, è pronta ad aprire un fascicolo. La Guardia di finanza trasmetterà gli atti ai magistrati, successivamente si procederà con la convalida del sequestro

"Favoreggiamento dell'immigrazione clandestina", con questa accusa è stata sequestrata la nave Mare Jonio. L'imbarcazione, che ha tratto in salvo 30 vite, è stata sequestrata non appena ha fatto ingresso al porto di Lampedusa.  La Procura di Agrigento, nelle prossime ore, è pronta ad aprire un fascicolo. La Guardia di finanza trasmetterà gli atti ai magistrati, successivamente si procederà con la convalida del sequestro.  

Secondo quanto emerge, sarebbero state registrate delle irregolarità a bordo. La Guardia di finanza sta procedendo, secondo quanto reso noto dall’Adnkronos, in un “sequestro di iniziativa”. Sono state le stesse fiamme gialle a rilevare alcune irregolarità.  

Il salvataggio delle 30 persone

Trenta le persone a bordo della nave, tra queste anche una bimba di appena un anno, tre donne tra cui anche una incinta. Il gommone, secondo quanto emerso, era in avaria presumibilmente in acque internazionali, a 40 miglia al largo della Libia.

La “Mare Jonio” avrebbe chiesto l’ingresso in un porto sicuro dove fare sbarcare donne incinte ed una bambina. Secondo quanto fa sapere Mediterranea Saving Humans, la nave è scortata da una motovedetta della Guardia di Finanza, è partita per fare rotta verso il porto di Lampedusa.

Da lì verranno completate le operazioni di salvataggio della 30 persone a bordo. "Chiediamo - fanno sapere da -  Mediterranea Saving Humans - l’ingresso in un porto sicuro dove sbarcare uomini, donne incinte e bambina a bordo". "Porti chiusi non esistono",- dice all'Adnkronos il capomissione di Nave Jonio. "Esistono invece leggi che proteggono i diritti umani, la vita delle persone che nessun ministro può ignorare".

Migranti, la reazione del sindaco di Lampedusa

"Dal ministro Salvini  - dice martello all'Adnkronos - arrivano solo balle mediatiche. L'Italia è un paese in cui vengono rispettate le regole. E lo dimostra il fatto che è stato autorizzato l'attracco della nave Jonio al porto commerciale di Lampedusa. Viene rispettata la Costituzione. Regole Che non possono essere travisate da nessuno nè su Twitter nè su Facebook". 

Esulta il ministro Salvini

"Ultimo viaggio per la nave dei centri sociali Mare Jonio bloccata e sequestrata. Ciao ciao". 

Dalla Mare Jonio: "Il crimine è fare morire la gente"

"I naufraghi stanno per essere sbarcati a Lampedusa. Nei loro sorrisi il senso del nostro impegno. PS. Nessuna notifica di sequestro ricevuta, nessuna irregolarità riscontrata. L'importante per noi è che queste persone siano salve. L'unico crimine è far morire gente in mare o in Libia".

Alle 12:56 i migranti sbarcano al Porto di Lampedusa

I 30 migranti salvati sono stati fatti sbarcare al porto di Lampedusa. Uomini, donne e bambini, tutti sono stati accolti con un brevissimo applauso. Tra di loro anche delle donne incinte. Al porto, anche i carabinieri e la croce Rossa Italiana. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Gioca 10 euro e ne vince 2milioni: caccia al fortunato di Cattolica Eraclea

  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento