menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Impresa di Favara resta nella "white list", Tar condanna ministero dell'Interno

La Prefettura, dando esecuzione alla sentenza del tribunale amministrativo regionale, ha provveduto ad emettere nei confronti della società "un'informativa antimafia a contenuto liberatorio"

L'impresa "Nuova Eurodemolizioni" di Favara rimarrà nella "white list" dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa.

A decretarlo è una sentenza del Tar Sicilia cui è ricorsa la società che, nel 2011, è stata raggiunta da un'informativa antimafia della Prefettura di Agrigento. Tutto nasceva dalla presenza di un ex socio, P.S., che seppure fosse stato in un primo momento arrestato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, è stato poi assolto dalla Corte d'Appello di Palermo.

In seguito il legale rappresentante della società, la signora C.G., avanzò la richiesta di aggiornamento dell'informativa, ai sensi del nuovo codice cosiddetto "Antimafia", evidenziando "il venir meno, per effetto dell'estromissione del socio, del presunto elemento di collegamento tra la società ed ambienti in ipotesi condizionanti le scelte della società".

Alla mancata risposta del ministero dell'Interno, è seguito il ricorso al Tar con il patrocinio dell'avvocato Girolamo Rubino. Il Tribunale amministrativo ha sostanzialmente dichiarato l'illegittimità del "silenzio" e sancito l'obbligo dell'Amministrazione di concludere il procedimento entro il termine di trenta giorni, condannando il Ministero dell'Interno anche al pagamento della spese giudiziali liquidate in mille euro.

In esecuzione della sentenza, la Prefettura di Agrigento ha così provveduto ad emettere nei confronti della società ricorrente un'informativa antimafia a contenuto liberatorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento