menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tar Sicilia, Ente di formazione vince il ricorso contro la Regione

Il Tar Sicilia Palermo, ritenendo fondate le censure formulate dagli avvocati Rubino, Valenza e Sortino ha accolto il ricorso di "Eap Federcom", condannando l'Assessorato all'Istruzione al pagamento delle spese di giudizio

Il Tar Sicilia Palermo, ritenendo fondate le censure formulate dagli avvocati Rubino, Valenza e Sortino circa la mancata pertinenza della richiamate sentenze rese dalla Corte dei Conti, ha accolto il ricorso di "Eap Federcom",  centro di formazione operante nelle provincie di Agrigento e Caltanissetta, annullando il provvedimento impugnato e condannando l'Assessorato regionale dell'Istruzione e della formazione professionale anche al pagamento delle spese di giudizio, liquidate in euro duemila, oltre iva e cassa di previdenza forense.

L'Eap Federcom che svolge attività di formazione finanziata dall'Assessorato regionale dell'Istruzione e della formazione professionale, per l'anno 2005 chiedeva il finanziamento di quattro progetti, dei quali due da svolgersi in provincia di Caltanissetta ed altri due da svolgersi in provincia di Agrigento, e precisamente a Canicattì. Tuttavia, erroneamente, l'Ispettorato di Caltanissetta trasmetteva all'Assessorato soltanto due dei quattro progetti presentati. Conseguentemente l'Assessorato approvava ed inseriva nel piano regionale per l'offerta formativa tutti e quattro i progetti presentati dall'Ente ma approvava una spesa complessiva sufficiente allo svolgimento di solo due di essi. L'Ente provvedeva a segnalare immediatamente l'errore e l'Assessorato provvedeva ad erogare un ulteriore contributo di ottantacinquemila euro.

Da ultimo l'Assessorato, richiamando alcune sentenze della Corte dei Conti, annullava in autotutela il decreto di erogazione delle somme disponendo altresì il recupero delle somme corrisposte. L'Ente allora ha proposto un ricorso davanti al Tar Sicilia contro l'Assessorato Regionale della Formazione,  con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino, Massimiliano Valenza e Manlio Sortino, chiedendo l' annullamento del provvedimento di recupero delle somme. Si è costituito in giudizio l'Assessorato Regionale della Formazione, rappresentato e difeso dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato di Palermo, per chiedere il rigetto del ricorso.

In particolare gli avvocati Rubino, Valenza e Sortino  hanno censurato il provvedimento impugnato sotto il profilo dell'eccesso di potere per difetto di istruttoria e di motivazione, non essendo pertinente il richiamo alle sentenze della Corte dei Conti, riguardanti ben altra fattispecie. Il Tar Sicilia Palermo ha quindi condannato l'Assessorato resistente anche al pagamento delle spese di giudizio, liquidate in euro duemila, oltre iva e cassa di previdenza forense. Pertanto, per effetto delle sentenza resa dal Tar l'ente non dovrà restituire alcuna somma mentre l'Assessorato dovrà pagare le spese giudiziali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento