Caso "Sea Watch3", Patronaggio: "Valuteremo se impugnare la non convalida"

Il procuratore capo: "Il nostro punto di vista era diverso. Per noi era necessitata l'azione di salvataggio e non era necessitata invece la forzatura del blocco, che riteniamo un atto un po' sconsiderato nei confronti della vedetta della Guardia di Finanza. E' evidente però che si rispettano le decisioni dei giudici"

"Occorre leggere le motivazioni. Si valuterà un'eventuale impugnazione. Il nostro punto di vista era diverso. Per noi era necessitata l'azione di salvataggio e non era necessitata invece la forzatura del blocco, che riteniamo un atto un po' sconsiderato nei confronti della vedetta della Guardia di Finanza. E' evidente però che si rispettano le decisioni dei giudici". Lo ha detto il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, in merito alla decisione del Gip Alessandra Vella di non convalidare l'arresto di Carola Rackete, comandante della Sea Watch. 

Caso Sea Watch3, arresto non convalidato: il comandante Carola Rackete torna libera

"La richiesta di convalida dell'arresto di Carola Rackete è stata respinta: si evince quanto sia difficile muoversi in una materia che sconta forti tensioni politiche in cui qualsiasi decisione uno prenda ha sempre paura di sbagliare" - lo ha detto il procuratore Luigi Patronaggio mentre veniva ascoltato in commissione Antimafia.

Il prefetto ha firmato: Carola Rackete allontanata dall'Italia

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento