rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca

"La seconda B dove la metto?", caos alla scuola "De Cosmi": genitori in protesta

Mattinata intensa per i genitori dei bambini della scuola elementare del Villaggio Mosè. Alunni di appena sette anni, spostati da un istituto all'altro. Ad accoglierli la Federico Secondo, scuola media della stessa zona

"I nostri bambini, dentro una sorta di aula bunker". La definiscono così la nuova realtà degli alunni della classe seconda B della scuola elementare "De Cosmi" di Agrigento.

Sit-in dei genitori, questa mattina, davanti la scuola del Villaggio Mosè. I genitori puntano il dito contro chi ha spostato i loro bambini dalla "De Cosmi" alla scuola media "Federico II". Una scelta che hanno definito "ingiusta e sbagliata".

Gli alunni della seconda elementare, secondo quanto hanno riferito i genitori, sono stati trasferiti in un'aula di circa 25 metri. I bambini non possono stare a contatto con i ragazzi più grandi, rimanendo anche all'interno della classe nelle ore di ricreazione.  Una situazione dettata dall'esubero di classi della stessa "De Cosmi". La scuola del Villaggio Mosè, dispone di dieci aule, ma con la creazione di una nuova prima classe, ecco che si pone il problema.

Un cambio di rotta che ai genitori non è andato proprio bene. "Noi ci sentiamo presi in giro - afferma Daniela Argento, madre di un alunno - il primo giorno di scuola è andato tutto bene. Il giorno dopo ci hanno comunicato che i nostri bambini non dovevano recarsi alla 'De Cosmi', ma alla 'Federico II'. Tutto questo per noi è assurdo, i nostri bambini sono chiusi in una classe. Noi - afferma - la chiamiamo piccola aula bunker. La scuola dovrebbe essere un luogo di aggregazione".

Della stessa opinione anche Paolo Puma, anche lui genitore in protesta: "Non stiamo chiedendo la luna, vogliamo soltanto che i nostri figli ritornino nella loro scuola. E' impensabile che loro stiano con ragazzi più grandi, sono tutti bambini piccoli e devono stare con i loro coetanei".

Nella protesta anche il nonno di una bambina affetta da sordità. "Mia nipote ha bisogno di un ambiente specifico. Con lei lavorano altre due insegnanti di sostegno. Se la classe di mia nipote è piccola, i suoni con l'apparecchio acustico le rimbombano così tanto da crearle disturbo. Io sono qui per dire la mia, per sperare che questa situazione si risolva il prima possibile".

I genitori degli alunni della seconda B continuano la loro protesta, affinchè non si trovi un rimedio. "I nostri figli al mattino fanno fatica ad andare nella nuova scuola, qui hanno tutti i loro vecchi compagnetti. Non dimentichiamo che i nostri bimbi hanno appena sette anni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La seconda B dove la metto?", caos alla scuola "De Cosmi": genitori in protesta

AgrigentoNotizie è in caricamento