menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legge 104 e mobilità, sit in degli insegnanti davanti all'Inps

Sei giorni fa la protesta davanti all'ex provveditorato per sapere quante revoche erano state fatte. Oggi per chiedere di essere informati sugli esiti delle visite mediche

Sei giorni fa scesero in strada per un sit in davanti l'ex provveditorato agli studi, al viale della Vittoria. Questa mattina si sono dati appuntamento, invece, in via Picone, davanti la sede dell'Inps di Agrigento. 

Sono i componenti dell'associazione "Insegnanti in movimento". Docenti che, ancora una volta, faranno un sit in per chiedere di "essere informati sugli esiti delle visite della commissione medica dell'Inps e su quali provvedimenti si intende prendere nei confronti di coloro che hanno perso il beneficio o che non si siano presentati alla visita medica".

I docenti chiedono che venga applicata la retroattività delle revoche dei benefici della legge 104, ossia che - chi è stato accertato non avere i requisiti - torni alla prima, originaria, sede. Sede dalla quale è stato trasferito soltanto grazie alla legge 104. Sono stati 273 i lavoratori ai quali, nel corso di questi mesi, sono stati già revocati i benefici della legge 104. A fornire il dato all'associazione "Insegnanti in movimento" è stato l'ufficio scolastico provinciale. Ma ci sono ancora tante posizioni da essere esaminate. 

Il censimento su quanti, negli ultimi due anni, hanno chiesto ed ottenuto di fruire, in tutte le scuole statali dell'Agrigentino, dei benefici della legge 104, è stato effettuato. Ed è stato iniziato dopo che venne aperta un'inchiesta dalla Procura. 

Dopo il censimento, gli atti sono stati passati all'Inps affinché disponesse un piano di accertamenti medico-legali mirato a verificare non soltanto la permanenza dei requisiti, ma anche se il personale che si è avvalso della 104, al momento del riconoscimento dello status di disabile o invalido civile, lo fosse davvero o meno. Tutte queste persone - docenti, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi - sono stati chiamati, dunque, a visita medica. Accertamenti che sono stati effettuati dalla commissione sanitaria dell'Inps.

Nei giorni scorsi, il dirigente dell'ex provveditorato agli studi di Agrigento, Raffaele Zarbo, ha comunicato all'associazione "Insegnanti in movimento" d'aver chiesto all'Inps di effettuare con sollecitudine le visite e di comunicare gli esiti. In questa fase, del resto, occorre tenere conto delle imminenti operazioni di mobilità per il prossimo anno scolastico.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento