Scuola allagata, il sindaco la chiude: lezioni pomeridiane per gli scolari

Il dirigente scolastico ha, infatti, già predisposto il trasferimento dell'attività didattica delle nove classi elementari interessate nel plesso "Federico II" dove da venerdì, nelle ore pomeridiane, proseguiranno regolarmente le lezioni

I vigili del fuoco alla scuola "De Cosmi"

A seguito del sopralluogo effettuato questa mattina dai vigili del fuoco nel locale che ospita il plesso scolastico “De’ Cosmi” di viale Leonardo Sciascia, gli stessi, a causa dell’infiltrazione d’acqua dal soffitto dell’immobile preso in locazione dal Comune determinata dal deterioramento della guaina di impermeabilizzazione, hanno proposto di non utilizzare le aule interessate, invitando il sindaco ad adottare i provvedimenti di propria competenza ritenuti necessari a salvaguardare l’incolumità delle persone.

 
Il dirigente scolastico ha, infatti, già predisposto il trasferimento dell’attività didattica delle nove classi elementari interessate nel plesso “Federico II” dove da venerdì, nelle ore pomeridiane, proseguiranno regolarmente le lezioni.
 
Di conseguenza il primo cittadino di Agrigento ha emesso apposito provvedimento urgente con il quale, per prevenire il pericolo che minaccia l’incolumità, ha ordinato la chiusura temporanea del plesso scolastico fino a quando non saranno effettuate le verifiche dello stato di conservazione delle opere di copertura del fabbricato interessato e eseguite le opere idonee a garantire l’incolumità.
 
Con il medesimo provvedimento al proprietario dell’immobile, già invitato e diffidato ad intervenire, è stato ordinato di avviare immediatamente le opere necessarie e completarle entro quindici giorni. In caso di mancato rispetto di detto termine, sarà il Comune ad effettuare le opere d’ufficio in danno dell’inadempiente, senza pregiudizio dell’azione penale per i reati in cui fosse incorso il medesimo proprietario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento