menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Scossa di terremoto a Ragusa, avvertita anche a Licata, Favara e Agrigento

Secondo il sito dell'Ingv la terra ha tremato - magnitudo 4,6 - alle ore 21:27. L’epicentro è stato localizzato a 15 chilometri da Acate, ad una profondità di 16 chilometri. Decine e decine di telefonate anche ai vigili del fuoco di Agrigento per avere informazioni, la Protezione civile comunale rassicura la popolazione

Scossa di terremoto - di magnitudo tra 4.6 - a Ragusa. Secondo il sito dell'Ingv la terra ha tremato - per una decina di secondi - 21:27.

Una scossa che è stata avvertita anche a Favara, ad Agrigento (tanto in centro quanto nei quartieri periferici), a Canicattì, Ravanusa, Campobello di Licata, Porto Empedocle, Sciacca e a Licata. Ad avvertirla, a quanto pare, non sono però stati tutti i cittadini. Ma molti l'hanno percepita e qualcuno s'è anche allarmato, scendendo - al Villaggio Mosè e a Licata - in strada. Decine e decine di telefonate sono giunte al comando provinciale dei vigili del fuoco di Villaseta. La gente è spaventata e chiede informazioni. Il sindaco di Licata, Pino Galanti, e il vice Antonio Montana, insieme alla Protezione civile, sono per le vie della città per verificare eventuali danni e rassicurare la gente che, terrorizzata, si è riversata nelle strade. “Insieme alla Protezione civile – scrivono Galanti e Montana - stiamo monitorando il territorio per verificare la presenza di danni o rischi potenziali. Tutto in questo momento appare sotto controllo! Preghiamo tutti, nonostante le evidenti cause di forza maggiore, di evitare in ogni caso gli assembramenti e di rientrare in casa. Per qualsiasi informazione usare soltanto i riferimenti del sindaco, della Protezione civile e della polizia municipale. Non affidatevi a comunicazioni arbitrarie e non verificate di sismologi improvvisati. Manteniamo la calma”.

E' andata diversamente, naturalmente, fra Ragusa e Siracusa. Proprio in quest'ultima città i mobili si sono mossi e la gente si è decisamente spaventata. Il sisma è stato avvertito anche nel Catanese e a Gela. L’epicentro è stato localizzato a 15 chilometri da Acate, in provincia di Ragusa, ad una profondità di 16 chilometri.

Per la scossa di terremoto di magnitudo 4.6 registrata alle ore 21:27 sulla costa ragusana le sale operative dei vigili del fuoco hanno ricevuto finora solo chiamate per informazioni e nessuna richiesta di soccorso né segnalazioni di danni. E' quanto scrivono i vigili del fuoco su Twitter. 

"La vibrazione è stata avvertita molto forte nel ragusano e a Gela dove ci sono stati danni, ma è arrivata anche se in maniera attenuata, anche da noi - ha reso noto il responsabile del Coc di Agrigento, Attilio Sciara, - . Diverse segnalazioni sono state fatte ai centralini di pronto intervento e alla Protezione civile comunale la quale in questo momento vuole rassicurare la popolazione preoccupata. Il terremoto è avvenuto in mare pare a 20 km di profondità e non ci sarebbe rischio di tsunami, comunque lontano dalla nostra costa". Il sindaco Franco Miccichè e l'assessore Giovanni Vaccaro questa sera sono stati in giro tra San leone e il Villaggio Mosè insieme al responsabile della Protezione civile comunale Attilio Sciara per verificare la situazione ma soprattutto per tranquillizzare la popolazione che era scesa per strada. "Per fortuna a parte la vibrazione avvertita da molte persone, non ci sono stati danni e nemmeno feriti. La situazione resta comunque sotto controllo - ha reso noto Micciché - e in caso di necessità la protezione civile è subito pronta ad intervenire e ad informare la popolazione". 

"Non risultano finora danni a persone a seguito delle scosse di terremoto registrate stasera nel Ragusano. Molta paura, soprattutto a Vittoria e Acate" - lo ha fatto sapere il presidente della Regione, Nello Musumeci, che è in contatto con il prefetto di Ragusa Filippina Cocuzza e con il capo della Protezione civile regionale Salvo Cocina, per un costante aggiornamento della ricognizione di eventuali conseguenze - .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento