menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un tratto di mare di San Leone

Un tratto di mare di San Leone

Scoppia la fognatura, dal Comune un'indagine interna: messa a rischio la salute pubblica

Ritardi e mancate segnalazioni, scoppia la polemica. I vertici di Girgenti acque fanno chiarezza, ma qualcosa non torna

Lo sversamento di reflui ed i possibili ritardi d’azione. La polemica non accenna a placarsi. Da un lato il Comune, dall’altro Girgenti Acque e ancora l’Arpa. Di chi è la colpa? L’amministrazione comunale, fa sapere di aver fatto già partire un’indagine interna.

Il gestore del servizio idrico della città, è stato chiaro: nessuno ci ha avvisati per tempo. Sulla stessa linea di Girgenti Acque è il Comune che ha presentato un esposto ed ha voglia di fare chiarezza.

"In ordine allo sversamento di liquami fognari nei pressi di via degli Imperatori - dicono dal Comune - nel tardo pomeriggio di ieri è pervenuta una nota con la quale oltre a fornire informazioni dettagliate sul guasto e sulle procedure da mettere in atto per prevenire conseguenze ambientali, viene fornita una ricostruzione temporale dei fatti che, se rispondente al vero, appare di estrema gravità".

LEGGI ANCHE: SCOPPIA UNA FOGNATURA, IL COMUNE PRESENTA UN ESPOSTO

E’ lo stessa Girgenti Acque a snocciolare: orari e dettagli dell’intervento. "Bastava semplicemente segnalare in tempo". La società dovrà procedere ad una bonifica, ad imporlo è la legge. Ma, qualcosa sembrerebbe non tornare. Infatti, tramite nota stampa, Girgenti acque ha rivelato tempistiche e orari d’azione. 

"La segnalazione dell’Arpa di Agrigento è pervenuta al gestore il 2 febbraio alle 12 e 25. avente ad oggetto una contaminazione da liquami fognari in via degli Imperatori, i tecnici incaricati della società intervenendo tempestivamente sui luoghi alle 13, hanno riscontrato una ostruzione del collettore fognario a gravità presente nell’area, che ha generato lo sversamento di liquami da un pozzetto di ispezione, interessando una porzione di un fondo privato del Villaggio Mosè. I tecnici di Girgenti Acque, alle 13.30, hanno prontamente ultimato l’intervento per l’eliminazione dell’inconveniente, ripristinando il normale deflusso dei reflui attraverso il collettore fognario interessato dall’ostruzione".

LEGGI ANCHE: SCOPPIA FOGNATURA IN VIA DEGLI IMPERATORI

 Il Comune, fa sapere che "è  evidente che un intervento tempestivo di ripristino del normale deflusso dei liquami fognari avrebbe contenuto gli effetti del problema evitando l'inquinamento ambientale derivato dalla circostanza che gli stessi si sono sversati dentro un vallone per molte ore, raggiungendo infine il mare. Pare che lo sversamento fosse già noto e segnalato all'Arpa alle 17 di mercoledì 1 febbraio, cioè ben 20 ore prima dell'intervento di Girgenti Acque. Per ciò che riguarda i nostri uffici, inoltre, abbiamo svolto delle verifiche interne e non abbiamo riscontrato alcuna segnalazione al nostro ufficio sanità o al comando dei vigili urbani nella giornata di giovedì 1 febbraio 2017. Ci pare pertanto indispensabile che si appuri preliminarmente se risponde al vero quanto scritto nella nota del gestore del servizio che si allega in copia e, in caso affermativo, si verifichino le eventuali responsabilità di chi ha deciso inopinatamente di non segnalare per molte ore il guasto né al soggetto preposto alla gestione dell'impianto fognario né al comune, in quanto responsabile della tutela della salute pubblica".

Di chi è la colpa? Da Girgenti acque fanno sapere che "dalla ricezione della segnalazione alla conclusione dell’intervento, sono passati 55 minuti. "La comunicazione inviata ieri 2 febbraio 2017 dall’Arpa di Agrigento a Girgenti Acque, riportava chiaramente che tale fuoriuscita di liquami era stata riscontrata da chi ha effettuato la segnalazione, il primo febbraio 2017. Sarebbe quindi bastata una semplice segnalazione telefonica al gestore Girgenti Acque per evitare le deleterie conseguenze all’ambiente nonché alle tasche della collettività, derivanti dalla fuoriuscita di refluo fognario”.

In definitiva, Girgenti Acque, "paga" solo se, la colpa è del gestore.  "Rimane pertanto il rammarico che - fanno sapere i vertici del servizio idrico della città - in questo caso, non sia stata effettata una tempestiva segnalazione al gestore, che così come hanno i dimostrato i fatti, avrebbe provveduto all’immediata risoluzione del problema evitando i danni derivanti dallo sversamento fognario. Girgenti Acque, nello spirito di garantire un servizio efficace e trasparente alla collettività, chiede a tutti, Utenti, Enti, associazioni, etc di utilizzare i canali di comunicazione messi a disposizione dal Gestore". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento