rotate-mobile
Nuovo caso

Ricoverato per scompenso cardiaco contrae un'infezione e muore: chiesto 1 milione e 700 mila euro di risarcimento

Gli eredi hanno citato l'Asp in giudizio e chiedono al tribunale di accertare e dichiarare la responsabilità dei medici per "errata condotta"

Finì in ospedale - era il 9 marzo dello scorso anno - per uno scompenso cardiaco e venne ricoverato. Il due aprile si registrò un rapido peggioramento delle condizioni di salute del paziente, con stato settico a causa di una infezione contratta durante la degenza, fino al decesso che avvenne due giorni dopo. I familiari della persona che ha perso la vita, quali eredi, hanno chiesto il risarcimento del danno, quantificato in un milione 715 mila euro, e citato l'Asp dinanzi al tribunale di Agrigento. La prima udienza si terrà il 20 febbraio. 

Gli eredi chiedono al tribunale di accertare e dichiarare la responsabilità dei medici, che hanno avuto in cura il loro familiare, per "errata condotta". L'Asp non ha però riscontrato elementi di responsabilità e pertanto dopo non essersi presentata al procedimento di mediazione, ha deciso di costituirsi in giudizio dinanzi al tribunale per sostenere la correttezza dell'operato dei medici e chiedere il rigetto dell'istanza risarcitoria. L'incarico di rappresentanza dell'ente verrà affidato ad un avvocato esterno, iscritto nell'elenco dei professionisti di fiducia.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricoverato per scompenso cardiaco contrae un'infezione e muore: chiesto 1 milione e 700 mila euro di risarcimento

AgrigentoNotizie è in caricamento