rotate-mobile
Cronaca Ribera

Scommesse on line con la regia della mafia, non rispondono 2 indagati

Il giudice ha convalidato il fermo e disposto la custodia in carcere, rimettendo poi gli atti al tribunale di Catania, ufficio giudiziario competente

Restano in carcere i due riberesi indagati nell’operazione "Galassia", su scommesse online e una presunta associazione a delinquere che ha portato a 28 fermi. I due riberesi, Pietro Salvaggio, di 55 anni, e Vincenzo Gino D’Anna, di 51, sono stati interrogati, nel carcere di Sciacca, per rogatoria, dal giudice Rosario Di Gioia. I due, difesi dagli avvocati Giovanni Di Caro e Calogero Vella, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Il giudice ha convalidato il fermo e disposto la custodia in carcere, rimettendo poi gli atti al tribunale di Catania, ufficio giudiziario competente. I due riberesi sono indagati per associazione a delinquere finalizzata alla raccolta di scommesse clandestine e alla truffa.

Scommesse on line con la regia della mafia, coinvolti 4 agrigentini 

"Non c’è traccia nell’accusa ai miei clienti – ha detto, al Giornale di Sicilia, l’avvocato Giovanni Di Caro, del foro di Sciacca – di collegamenti con attività di tipo mafioso. Adesso andremo avanti con la nostra attività difensiva e impugneremo il provvedimento davanti al tribunale del Riesame". Secondo quanto emerge dalle indagini, svolte dalla Guardia di Finanza, esisterebbe una vera e propria associazione a delinquere con un giro di scommesse on line clandestine in tutta Italia che sarebbero state alimentate attraverso piattaforme virtuali con sede all’estero. Sono tre le Procure che indagano. Per i due riberesi è competente la Procura della Repubblica di Catania e sono stati interrogati per rogatoria da un giudice del tribunale di Sciacca. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scommesse on line con la regia della mafia, non rispondono 2 indagati

AgrigentoNotizie è in caricamento