menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, raccolta a rischio: proclamato lo sciopero in sei Comuni

Gli operatori ecologici della Dedalo ambiente senza stipendio incroceranno le braccia, il prossimo 27 settembre, a Licata, Canicattì, Palma di Montechiaro, Naro, Camastra e Campobello di Licata

Raccolta dei rifiuti a rischio in sei Comuni dell'Agrigentino. Gli stipendi degli operatori ecologici della Dedalo ambiente sono in ritardo e i sindacati hanno proclamato uno sciopero, il prossimo 27 settembre, a Licata, Canicattì, Palma di Montechiaro, Naro, Camastra e Campobello di Licata.

"La Dedalo Ambiente - scrivono Cgil e Cisl - non rispetta il contratto nazionale di lavoro per quanto riguarda le scadenze dei pagamenti delle spettanze mensili; la società d' ambito versa le somme ai lavoratori dei Comuni che versano il costo del servizio, lasciando indietro gli altri dipendenti, creando disparità di trattamento. Secondo la normativa vigente - aggiungono le organizzazioni sindacali - il pagamento delle spettanze ha priorità nei paga menti".

"I lavoratori  - proseguono i sindacati - devono percepire il premio di produttività dal 2013. Considerato che il contratto nazionale di lavoro statuisce che gli stipendi siano pagati dal 27 alla fine del mese cui si riferisce la remune razione, i lavoratori vogliono che le scadenze per i pagamenti siano rispettate, per potere programmare le spese della propria famiglia. Tutto ciò premesso e considerato, le organizzazioni sindacali per assicurare la regolarità nell' erogazione delle spettanze al personale che opera nel comparto igiene ambientale dell' Ato Agrigento 3, nel registrare lo stato d' agitazione del settore, chiedono l' attivazione, in sede aziendale, della prescritta procedura di raffreddamento. Data la sistematicità del problema, - concludono - i sindacati comunicano che si atterranno ai tempi massimi di efficacia della procedura stessa".

Ieri, era arrivata anche la replica della Dedalo Ambiente, affidata al commissario Salvatore Gueli, che ha chiesto di revocare lo sciopero, assicurando l'imminente pagamento dello stipendio di agosto.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento