Scioglimento per ingerenze della criminalità, il Tar accoglie il ricorso del Comune

Il tribunale amministrativo del Lazio ha deciso di trattare e approfondire nel merito l'istanza. La data dell'udienza verrà fissata nei prossimi giorni 

Il Comune di Camastra

Il Tar del Lazio ha disposto la trattazione del ricorso presentato dall'ex sindaco di Camastra, Angelo Cascià, e dal suo vice Vincenzo Urso contro il decreto che ha disposto lo scioglimento - per ingerenze della criminalità organizzata - del Comune. Il ricorso venne presentato, nei mesi scorsi, dagli avvocati Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza ed è stato già vagliato dai giudici che hanno deciso di trattarlo e approfondirlo nel merito. La data dell'udienza verrà fissata nei prossimi giorni. 

"Pesanti ingerenze da parte della criminalità organizzata", Comune sciolto per mafia 

Il ricorso venne presentato dai vertici dell'amministrazione comunale nei confronti del ministero dell'Interno, della presidenza del Consiglio dei ministri e della Prefettura di Agrigento. L'ex sindaco Cascià, va ricordato, non è stato mai raggiunto da alcun avviso di garanzia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

  • Il riscatto e la rinascita, Andrea Mendola: "Non vedevo futuro adesso tutto è cambiato"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento