"Parole a scatti": il gioco fra racconti e immagini si presenta a Sciacca

Enzo D'Antona nella prefazione: "Giovanni Franco, ex redattore del quotidiano L'Ora, ha sempre la capacità di sorprenderci. L'immagine che prima era un gioco adesso si accoppia alla parola scritta e, con disinvoltura, la completa"

Una delle foto del giornalista Ansa Giovanni Franco

"E' un gioco di riflessi, di complicità, di idee infinite". A presentare il libro "Parole a scatti" è stato Accursio Soldano direttore della collana editoriale "Coup de foudre". E domenica, 15 dicembre, l'opera - stampata a colori in collaborazione con il "Gruppo We Help" di Sciacca - verrà illustrata, alle 18 a palazzo Borsellino, proprio nella città termale dell'Agrigentino.  

"Le regole per realizzarlo sono state molto semplici: - ha detto Soldano - abbiamo scelto otto foto scattate dal giornalista dell'Ansa Giovanni Franco. Poi abbiamo chiesto ad Attilio Bolzoni, giornalista de 'La Repubblica', autore di libri come 'Il capo dei capi', 'La giustizia è cosa nostra', a Domenico Catagnano vice direttore di 'TGcom24', alla scrittrice Laura Bonelli autrice di 'Piccole storie dei sette giorni', 'Fornelli metafisici' e 'Ricettario Patafisico' a Giuseppe Recca e Rita Baio giornalisti del quotidiano 'La Sicilia'; al docente universitario e critico letterario Salvatore Ferlita, al direttore creativo dell'agenzia Connexia Riccardo Catagnano, al regista cinematografico Rocco Mortelliti, di scrivere la prima cosa che veniva loro in mente guardando le immagini. Ne è venuta fuori un'alchimia di riflessi, di complicità, di idee infinite - prosegue - introdotte magistralmente da Enzo d'Antona ex cronista del quotidiano 'L'Ora' e de 'Il Mondo', e già capo della redazione delle pagine di Palermo del quotidiano 'La Repubblica', ed ex direttore de 'La Città di Salerno' e del 'Piccolo" di Trieste'".

"E così ecco un chitarrista in bilico, una ragazza davanti a un negozio di frutta e - scrive nella prefazione Enzo d'Antona - come lei personaggi in cerca di qualcosa che può arrivare - inevitabile, anzi ineluttabile - da un telefonino. Giovanni Franco, ex redattore del quotidiano L'Ora, ha sempre la capacità di sorprenderci. L'immagine che prima era un gioco adesso si accoppia alla parola scritta e, con disinvoltura, la completa. Le due cose, foto e verbalizzazione, rappresentano la vera essenza di Giovanni, che è la socialità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento