rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Sciacca

Donna morta al pronto soccorso, la Procura ha deciso: niente autopsia

La scelta è stata fatta sulla base di quanto emerso dall'ispezione cadaverica. Le indagini andranno avanti - il fascicolo resta infatti aperto - sul piano documentale

La Procura della Repubblica di Sciacca, sulla base di quanto emerso dall'ispezione cadaverica eseguita dal medico legale Ignazio Tavormina, ha deciso di non disporre l'autopsia. La salma è stata dunque rimessa a disposizione dei familiari che potranno celebrare i funerali. E' questo che emerge dall'inchiesta sulla morte di Vincenza Oliveri, 70 anni, deceduta durante il ricovero all'ospedale "Giovanni Paolo II".

Donna muore mentre è ricoverata, Procura apre un'inchiesta

La donna sarebbe arrivata al pronto soccorso con un'insufficienza respiratoria. La morte sarebbe sopravvenuta prima del trasferimento nell'unità operativa di Rianimazione. Le investigazioni della Procura andranno avanti - il fascicolo resta infatti aperto - sul piano documentale, ma, intanto, il sostituto procuratore Roberta Griffo ha ritenuto di non disporre l'autopsia. I carabinieri della compagnia di Sciacca, ricevuto l'esposto da parte dei familiari. L'ispezione cadaverica è il primo accertamento che viene eseguito quando si verificano fatti di questo tipo unitamente all'esame della cartella clinica e della documentazione medica. Sulla base di quanto fino ad ora accertato, la Procura ha deciso di non disporre l'autopsia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna morta al pronto soccorso, la Procura ha deciso: niente autopsia

AgrigentoNotizie è in caricamento