Cronaca Sciacca

"Promettevano assunzioni alle Poste in cambio di soldi", falsa partenza del processo

Il giudice Alberto Davico non potrà presiedere il collegio perchè si è occupato del caso in qualità di gip: un'imputata chiede di patteggiare

Il giudice Alberto Davico che avrebbe dovuto presiedere il collegio si è dichiarato incompatibile perché si era già espresso su misure cautelari riguardanti questa vicenda e così è stato assegnato a un altro collegio il processo su presunte false assunzioni a Poste Italiane in cambio di denaro.

La notizia è riportata oggi sul Giornale di Sicilia. Gli imputati sono Alfonso Caruana, di 44 anni, di Ribera, sottoposto agli arresti domiciliari, e Pasqualina Serpico, di 49, di Castelvetrano. Sono difesi, rispettivamente, dagli avvocati Giovanni Vaccaro e Marco Campagna.

Nella vicenda risultano coinvolti anche Sylvia Adamczyk, di 47, polacca, difesa dall’avvocato Antonino Tornambè, per la quale il giudice dovrà pronunciarsi sull’istanza di patteggiamento avanzata dalla difesa, e Antonina Campisciano, di 44, di Ribera, difesa dagli avvocati Giovanni Vaccaro e Giovanni Vassallo, che ha chiesto il giudizio abbreviato. 

Alcune delle presunte vittime hanno annunciato che si costituiranno parte civile con l'assistenza dell'avvocato Graziella Vella.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Promettevano assunzioni alle Poste in cambio di soldi", falsa partenza del processo

AgrigentoNotizie è in caricamento