Cronaca

Sciacca, estorsioni alla ditta Fauci: Valenti condannato a 9 anni

Rigettata la richiesta di risarcimento danno delle associazioni antiracket "Libere Terre" e "Antonino Caponnetto". A fare luce sulle pressioni mafiose i pentiti Angelo Siino, Giovanni Brusca e Maurizio Di Gati

La sede della ditta Fauci

Il pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia, Emanuele Ravaglioli, aveva chiesto la condanna a 14 anni. I collegio di giudici, presieduto da Giuseppe Melisenda Giambertoni, ha condannato - ed è la sentenza d'appello - Stefano Valenti, 49 anni, di Favara a 9 anni di reclusione. Valenti era accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Rigettata la richiesta di risarcimento del danno delle associazioni antiracket "Libere Terre" e "Antonino Caponnetto".

L'inchiesta è quella sulle estorsioni dalla ditta "Fauci" di Sciacca. A fare luce sulle pressioni mafiose per pagare il pizzo, tre pentiti: Angelo Siino, Giovanni Brusca e Maurizio Di Gati. I collaboratori di giustizia, con le loro rivelazioni, fecero scattare l'inchiesta. Anche Siino, Brusca e Maurizio Di Gati sono stati processati e condannati nello stralcio abbreviato del processo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciacca, estorsioni alla ditta Fauci: Valenti condannato a 9 anni

AgrigentoNotizie è in caricamento